Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Sesto Calende: nasce il Savoia Marchetti Historical Group, per valorizzare la tradizione aeronautica del territorio

image_pdfimage_print

logo_Savoia_con aereoSESTO CALENDE, 15 aprile 2016- Si è costituito nelle scorse settimane a Sesto Calende il “SAVOIA MARCHETTI Historical Group”; gruppo che si propone di valorizzare la centenaria tradizione aeronautica della provincia di Varese – la “Provincia con le ali”- sia attraverso la ricostruzione e il restauro di aerei storici progettati e realizzati dalla gloriosa industria aeronautica Savoia (SIAI ) Marchetti, sia attraverso la ricerca e la valorizzazione di tutti i documenti e le testimonianze degli oltre ottant’anni di vita dell’ azienda. Il team è costituito da esponenti di GLS – Gruppo Lavoratori Seniores SIAI MARCHETTI, dagli Amici di Volandia ai quali si sono uniti, ricercatori, tecnici, storici, appassionati ed esperti di media e fund raising, tutti accomunati dal desiderio di “riportare alla luce” una parte importante della storia industriale non solo italiana, ma mondiale.S55_foto1

Questa iniziativa vuole anche essere un’opportunità per gli operatori istituzionali, turistici ed economici in genere del territorio. Il gruppo può inoltre vantare la collaborazione di importanti aziende del Distretto Aeronautico quali le Officine meccaniche Villella e Aerosviluppi. Sostengono il progetto la Fondazione Volandia attraverso il Comitato Scientifico del Museo e numerose istituzioni del territorio e nazionali. Tra le collaborazioni, la rivista aeronautica VFR Aviation e le riviste RC Model World e Modellismo. Il gruppo ha sede presso il Museo Volandia di Somma Lombardo in provincia di Varese. Primo obiettivo del Gruppo è la ricostruzione di un esemplare in scala reale di quello che è considerato il più noto e glorioso velivolo della storia aeronautica italiana: l’idrovolante Savoia Marchetti S.55 X, ultima serie del gioiello tecnologico costruito a Sesto Calende a partire dagli anni ‘20, che si rese protagonista di storici, straordinari voli attraverso l’Atlantico, aprendo così nuove rotte alle comunicazioni aeree, e di cui oggi non è rimasto al mondo nessun esemplare. Un esemplare dell’ S.55 di una versione speciale è conservato in Brasile

Il lavoro di studio e progettazione dell’S. 55 è già cominciato con il recupero degli oltre 900 disegni costruttivi originali presenti nell’archivio SIAI MARCHETTI la cui responsabilità è delegata a GLS. I disegni, grazie all’opera del gruppo di GLS sono stati accuratamente restaurati e digitalizzati al fine di garantirne la conservazione e la fruibilità. L’obiettivo a breve è la ricostruzione dei piani e delle travi di coda dell’idrovolante. Il gruppo di produzione ha analizzato con precisione i disegni costruttivi relativi alle parti in costruzione, ha coordinato la realizzazione dei modelli 3D di verifica e ha diretto la riprogettazione, sulla base di documenti storici fotografici e tecnici, dei particolari per cui le informazioni erano parziali o deficitarie. La produzione delle parti, coordinata dall’Ing. Maurizio Grillo, viene realizzata grazie alla collaborazione dei partner tecnici, dei volontari tecnici del gruppo e di istituti tecnici aeronautici. Fondamentale per la ricostruzione, è la ricerca storica e documentale relativa alle macchine prodotte dalla SIAI MARCHETTI, ricerca che si avvale della collaborazione di importanti figure del mondo della divulgazione della cultura aeronautica. Il gruppo è già impegnato in diversi progetti, tra i quali è importante ricordare il sostegno all’opera di recupero e conservazione del materiale documentale svolta dal Gruppo Lavoratori Seniores SIAI MARCHETTI coordinato dal Presidente Marzio Mariani e dal suo staff.

Coordinatore del progetto è l’Ing. Filippo Meani (info@savoiamarchetti.it)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 15 aprile 2016. Filed under PROVINCIA,Tempo Libero. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *