Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Wallah je te jure”, storie di migranti raccontate nel documentario del regista bustocco Marcello Merletto.

BUSTO ARSIZIO, 6  dicembre 2016 – Lunedì 12 dicembre 2016 alle ore 21 presso il Cinema San Giovanni Bosco a Busto Arsizio, sarà proiettato il documentario “Wallah Je te jure”  del regista bustocco Marcello Merletto ( ingresso è libero fino ad esaurimento posti).

Il documentario è stato prodotto dall’agenzia delle Nazioni Unite OIM Niger (Organizzazione Internazionale delle Migrazioni) e racconta le storie e le aspirazioni di donne e uomini in viaggio dall’Africa Occidentale verso l’Europa. Le riprese hanno avuto luogo nella prima metà del 2016 in Niger, Senegal e Italia. La serata è stata organizzata da dieci associazioni locali, particolarmente sensibili al tema:
ACLI Busto Arsizio, ANOLF Varese, Associazione Ali d’Aquila, Associazione Christian Onlus, Associazione Il Quadrifoglio, Centro Giovanile Stoa, Circolo Gagarin, Combinazione Onlus, Migrando La Bottega, Sguardi d’Essai.

Il film sarà presentato dal regista e giornalista Gilberto Squizzato e dal docente del Politecnico di Milano Paolo Castelli. Sarà inoltre presente il regista.

La prima internazionale sarà il quindici dicembre a New York presso il Quartier Generale delle Nazioni Unite, nell’ambito del Global Migration Film Festival. Il mese di dicembre sarà fitto di proiezioni: Milano, Roma, Trento, Padova, Napoli. Nel 2017 ci saranno appuntamenti presso prestigiose università in tutto il mondo: Cambridge University, Sciences PO a Parigi, Stanford, Università del Lussemburgo e molte altre. In allegato la locandina, la scheda del film e un calendario delle proiezioni.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 9 dicembre 2016. Filed under Cinema,PROVINCIA,Sociale,Spettacoli&Cultura,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *