Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Mostra dedicata alla riscoperta e conoscenza del libro antico alla biblioteca di Galliate

image_pdfimage_print

GALLIATE, 13 dicembre 2016- Sabato 17 dicembre, alle ore 16, presso la biblioteca comunale avrà luogo l’inaugurazione della mostra “Il libro antico questo sconosciuto”.

Nel corso dell’iniziativa il gruppo di lavoro “Noi del Fondo Antico” presenterà il percorso messo in atto per scoprire il Fondo Antico della biblioteca di Galliate ed i segreti della sua Torre.

La visita alla Mostra sarà accompagnata da un intervento musicale realizzato in collaborazione con l’Associazione Amici della Musica di Galliate, con l’esecuzione di brani all’arpa celtica da parte di Elena Torretta. L’incontro si concluderà con un delizioso rinfresco offerto dall’Agriturismo “Al Pum Rus”, di Sozzago.

La Mostra sarà aperta dal 17 dicembre per tutto il mese di gennaio, fino al 5 di febbraio.

La mostra rientra nel progetto “Il segreto della Torre del Castello”, promosso dal Comune di Galliate e sostenuto dalla Fondazione della Comunità del Novarese onlus, attraverso il Fondo dott. Giovanni Pagani.

Il percorso nasce dalla volontà di far conoscere a tutta la comunità l’esistenza del Fondo Antico posseduto dalla Biblioteca di Galliate. “Il segreto della torre del Castello: alla scoperta del Fondo Antico della Biblioteca” è un progetto che si propone di valorizzare e far conoscere i volumi posseduti dalla Biblioteca comunale attraverso l’esposizione di alcune delle opere più significative, digitalizzazione di alcuni titoli che possa permetterne la consultazione on line e la realizzazione di attività didattiche laboratoriali rivolte alle scuole per far conoscere agli studenti alcuni elementi di storia del libro.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 13 dicembre 2016. Filed under PROVINCIA,Spettacoli&Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *