Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Arrestata “Zia maria” e la figlia 19enne, fornitrici di droga all’ingrosso

image_pdfimage_print

BUSTO ARSIZIO, 3 dicembre 2016– Gli agenti del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio hanno arrestato una donna, conosciuta come “zia maria”, che insieme alla figlia gestiva un consistente “giro” di marijuana.

Nei mesi scorsi, in occasione dei numerosi servizi effettuati nella zona delle stazioni ferroviarie di Busto e dei conseguenti sequestri di droga nei confronti di consumatori e piccoli spacciatori, i poliziotti di via Ugo Foscolo avevano raccolto e pazientemente “archiviato” elementi indiziari che rimandavano a una donna di Somma Lombardo, nota nell’ambiente e nel comune di residenza come “la zia”, come una fornitrice all’ingrosso della marijuana che veniva poi portata a Busto Arsizio dai pusher per essere rivenduta al dettaglio.

Gli accertamenti effettuati hanno permesso agli investigatori del Commissariato di identificare la “zia” come B.F., donna italiana 47 anni, e la figlia come la diciannovenne M.K., entrambe con precedenti di polizia non legati però alle sostanze stupefacenti.

Ieri sera gli agenti sono entrati in azione perquisendo l’abitazione delle due donne, dove al momento dell’intervento hanno anche trovato un diciottenne di Gallarate con in tasca alcuni grammi di “erba” appena acquistati dalla coppia. La perquisizione ha confermato gli indizi precedentemente raccolti: in casa gli agenti hanno infatti trovato più di 1,3 Kg. di marijuana, circa 40 grammi di hascisc, un bilancino e tutta l’attrezzatura per confezionare e vendere la droga. Altre foglie di “maria” si trovavano in una bottiglia piena d’acqua, corredata di filtri e scodelle ed evidentemente destinata alla produzione di un infuso a base di cannabinoidi.

Le due donne sono state arrestate per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e portate in carcere a Como.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 3 gennaio 2017. Filed under Cronaca,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *