Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Sci Alpino: Manfred Moelgg vince lo slalom di Zagabria “

image_pdfimage_print

ZAGABRIA, 5 gennaio 2017- La prima vittoria italiana nello sci alpino è arrivata con la prima gara maschile del 2017. Ed è arrivata con Manfred Moelgg, al terzo successo della carriera, sempre in slalom, a quasi otto anni dall’ultimo successo del finanziere di San Vigilio di Marebbe: quello nello slalom del 1 febbraio 2009 a Garmisch-Partenkirchen.
Questo successo che galvanizza l’intero team italiano, partito alla grande nella stagione con altri 15 podi nel carniere, apre favorevolmente per il team azzurro l’anno che porterà ai Mondiali di St. Moritz.
Manfred Moelgg ha messo in pista, sotto un vento fastidioso che ha reso più complicate le traettorie degli atleti, una prima manche di altissimo livello e una seconda manche che ha rappresentato una sentenza per tutti gli avversari. Il suo miglior tempo nella seconda frazione e il suo distacco al traguardo di 72 centesimi sul secondo classificato, Felix Neureuther, hanno intimorito tutti gli avversari, a partire da Marcel Hirscher, che ha chiuso, con molti errori, al sesto posto, e quindi mandato fuori giri i primi tre della classifica parziale: Engel, Lizeroux e Feller. Così, dal quinto posto, Manfred Moelgg va a conquistare il suo successo più bello, ottenuto dopo una lenta risalita dal terribile infortunio al tendine d’Achille del 2014, il recupero dei migliori pettorali di partenza, il podio di Levi nel primo slalom di stagione, il 4° posto alle spalle di Gross, a Madonna di Campiglio, che lasciava intravedere tutta la voglia di Moelgg di esplodere, ed ora, finalmente il successo.

“E’ davvero un successo incredibile – dice Manfred Moelgg, ancora assalito dalla folla dei tifosi -, vincere con 7 decimi di vantaggio, davanti a un pubblico come quello di Zagabria va davvero oltre ogni aspettativa. Dicevano che facevo una vittoria ogni 100 gare, ora la proporzione cambia (oggi è la 250esima gara della sua carriera)”.

“Sono davvero contentissimo, sono tornato dove volevo tornare. Mi ha caricato il podio di Manuela, in qualche modo dovevo rispondere. Dedico questa vittoria a tutti quelli che hanno creduto in me e hanno lavorato con me fino ad ottenere questo magnifico risultato”.

“E’ una vittoria della tenacia – dice il capo allenatore della squadra maschile, Max Carca -, è una vittoria della tenacia perché Manfred è un duro, è un talento ed ha sempre saputo rialzarsi dopo ogni problema che ha avuto, soprattutto l’ultimo infortunio. E’ bello lavorare con lui perché è un esempio per tutti. Non per nulla è considerato il “capitano” della squadra. Sono contento per tutto il team: in allenamento sono tutti vicini. Abbiamo fatto delle scelte importanti e mi pare che nelle ultime gare si sia visto che in questo gruppo si è svegliato qualcosa. Oggi è stata una gara particolare per il meteo instabile, però tutti e quattro i nostri della seconda manche ci hanno provato. Mi spiace per Razzoli, ma l’ho visto meglio del solito. Sono convinto che nelle prossime gare potrà giocarsi un posto per i Mondiali”.
Su questa pista, sulla Sljeme, Moelgg fu secondo nel 2010, alle spalle di Razzoli, per una splendida doppietta italiana. Oggi, sul gradino più alto del podio c’è lui, l’inossidabile finanziere ladino, che rappresenta ora una delle più concrete chances di medaglia per l’Italia nella rassegna iridata di febbraio.
Il resto della gara. Henrik Kristoffersen sale sull’ultimo gradino del podio con 77 centesimi di ritardo da Moelgg. Stefano Gross, fa un’ottima seconda manche e risale dal 24/o al 10/o posto finale, mentre Riccardo Tonetti risale dal 30/o al 17/o. Fuori nella seconda Giuliano Razzoli, disturbato dal vento.
Ora Manfred Moelgg è terzo nella classifica dello slalom, con 246 punti, alle spalle di Hirscher, leader con 300 punti, e Kristoffersen a 260.
L’appuntamento con lo slalom è per domenica, ad Adelboden.

Ordine d’arrivo SL maschile Zagabria (Cro):   
1. (5)         MOELGG Manfred     ITA    2’00″03
2. (8)         NEUREUTHER Felix     GER    +0″72
3. (6)         KRISTOFFERSEN Henrik     NOR   +0″77
4. (6)         YULE Daniel     SUI  +0″99
5. (9)         MATT Michael     AUT    +1″31
6. (4)         HIRSCHER Marcel     AUT +1″43
7. (16)         RYDING Dave     GBR     +1″55
8. (12)         AERNI Luca     SUI   +1″69
9. (2)         LIZEROUX Julien     FRA   +1″88
10. (24)         GROSS Stefano     ITA +2″06

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 5 gennaio 2017. Filed under Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *