Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Varese Capitale italiana dei giovani, questa la proposta di Giacomo Fisco (GD)

Giacomo Fisco

VARESE, 9 gennaio 2017- Varese Capitale Italiana dei Giovani 2018″. Questa è la proposta del giovane consigliere comunale del Pd Giacomo Fisco che propone la candidatura della città giardino per il prestigioso riconoscimento assegnato ogni anno dalla Presidenza del Consiglio Italiano, da Anci Giovani e dal Forum Nazionale Giovani alla città che presenta la migliore idea progettuale nell’ambito delle politiche giovanili. Per il 2017 la città vincitrice è stata Palermo.

“Se il sindaco e la Giunta daranno il via libera si potrà procedere alla realizzazione di un progetto condiviso con tutte le associazione giovanili e con la città. Un progetto innovativo che come richiesto dal bando abbia come obiettivo l’implementazione delle politiche giovanili, la creazione di eventi, workshop, coworking e di iniziative culturali da svolgere nella città giardino – spiega Fisco – Insomma vogliamo farci trovare pronti e presentarci al bando con una grande idea progettuale”.

“Varese è stata per anni una bella addormentata – insiste il consigliere del PD – ora sta a noi il compito di risvegliarla, rilanciarla e farla tornare ad essere una città davvero  a misura di tutti, anche dei giovani. Sono convinto che questa iniziativa possa rappresentare una grande occasione per la nostra città, sia in termini di eventi ed esposizione mediatica che in termini di coinvolgimento dei cittadini, delle tante organizzazioni giovanili e degli uffici dell’InformaGiovani.  Varese può e deve diventare un modello per tutta la Lombardia e l’Italia. Sono sicuro che il Sindaco Davide Galimberti e l’assessore Francesca Strazzi accoglieranno favorevolmente questa opportunità.”

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 9 gennaio 2017. Filed under Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *