Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Mirabelli scrive a Maroni: “In Lombardia i diabetici costretti a pagare cifre esose per monitoraggio glucosio”

VARESE, 9 marzo 2017- Il consigliere comunale Fabrizio Mirabelli  del Partito Democratico di Varese ha scritto una lettera aperta a nome al presidente della Regione Roberto Maroni, in merito alla critica situazione in cui versano le persone diabetiche residenti in Lombardia, costrette a pagare una cifra importante per acquistare prodotti utili a monitorare il livello di glucosio.

Egregio presidente Maroni,

molti diabetici della città di Varese ci segnalano che la Lombardia, una delle Regioni più ricche se non la più ricca d’Italia e sempre all’avanguardia in materia sanitaria, non ha ancora, purtroppo, preso in considerazione un problema molto importante.

Pare, infatti, che i diabetici lombardi siano costretti a spendere 119,80 euro al mese per acquistare i sensori per il sistema di monitoraggio flash del glucosio “FREESTYLE LIBRE”.

Ci risulta che, invece, sia la Regione Toscana (delibera n.829 del 30.08.2016) sia la Regione Lazio (determinazione n.408900 agosto 2016) abbiano già approvato la distribuzione gratuita del predetto sistema di monitoraggio che evita ai diabetici di pungersi più volte al giorno.

In qualità di consiglieri comunali della città di Varese, Le chiediamo, pertanto, di adoperarsi affinché anche la Giunta regionale di Regione Lombardia possa deliberare, al più presto, in merito al fine di evitare ai diabetici varesini e lombardi ulteriori sofferenze e sacrifici economici oltre a quelli che già sostengono.

Sicuri di un Suo cortese riscontro, cogliamo l’occasione per porgere i nostri più cordiali saluti.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 9 Marzo 2017. Filed under Lettere Al Direttore,Sanità,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.