Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Dopo 23 anni finalmente il contribuente ottiene ragione

BUSTO ARSIZIO, 30 marzo 2017-La Commissione Tributaria Regionale – a seguito del rinvio operato dalla Cassazione – ha annullato un avviso di accertamento dell’Agenzia delle Entrate del 2000 relativo alla rideterminazione di un reddito di impresa relativo al 1994.

La Vicenda giudiziaria comincia il 13 Novembre 2000 quando l’Ufficio delle Imposte Dirette di Gallarate notificava ad una società srl (nel frattempo trasformatasi in s.a.s.) con sede Lonate Pozzolo, in Provincia di Varese, attiva nel settore delle costruzioni, un avviso di accertamento per mezzo del quale rideterminava, in forza di asseriti ricavi non contabilizzati, il reddito d’impresa per l’anno 1994 ai fini IRPEG, ILOR e Tributo Straordinario Solidarietà in circa 400.000.000 di lire.

Dopo un primo grado, un secondo grado, la Cassazione operava un parziale rinvio. Il giudizio di rinvio presso la Commissione Tributaria Regionale di Milano – con sentenza 1282/2017 – ha accolto le tesi del ricorrente chiudendo definitivamente la questione. I Giudici hanno riconosciuto a favore della contribuente anche le spese di lite.

L’Avv. Dario Minella – Partner di Minella Studio Legale di Busto Arsizio – legale dell’azienda ricorrente ha commentato: “Siamo molto soddisfatti del risultato e dell’accoglimento totale delle tesi che abbiamo  sostenuto.  Nel sostenere le argomentazioni giuridiche quel che è risultato singolare a distanza di così tanti anni era discutere di imposte che nel frattempo erano state riformate o abrogate e di importi espressi in una valuta (la lira) da tempo sostituita dall’euro”.
image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 30 marzo 2017. Filed under Cronaca,Sociale,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *