Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Varese Design Week, una settimana di eventi con tanti artisti. A fare da guida studenti del Liceo Frattini

La grande piramide allestita ai Giardini Estensi

VARESE, 7 aprile 2017– Varese capitale del design da oggi sino al prossimo 13 aprile. Stiamo parlando della  seconda edizione della Varese Design Week, che ha  ufficialmente preso il via oggi con l’inaugurazione della suggestiva piramide di vetro posta al centro dei Giardini Estensi, visitabile fino alla conclusione della manifestazione.

La settimana del design, con eventi e installazioni in tutta la città presso oltre 30 location differenti, vedrà il coinvolgimento di quaranta artisti e designer. Di grande rilevanza sarà anche la sinergia che si instaurerà tra la Città Giardino ed i Comuni di Besozzo – sede dell’ex Copertificio Sonnino – e Comerio, come ha sottolineato con orgoglio il Sindaco di Varese Davide Galimberti.

La manifestazione cade non a caso in concomitanza con il Salone del Mobile di Milano: « È una sfida che Varese e la provincia lanciano alla città di Milano, il segno di un territorio vivo e vivace che vuole competere con le più grandi realtà italiane» ha spiegato il Primo Cittadino.

Per l’occasione questa mattina all’interno della piramide di vetro si sono alternati artisti della provincia, segnale emblematico di come la Varese Design Week sia «una manifestazione che evidenzia le eccellenze del nostro territorio».

Presenti alla cerimonia anche i ragazzi della classe terza del Liceo Artistico Frattini di Varese o quali,  grazie al progetto di alternanza scuola-lavoro, faranno da guida ai vari eventi che si susseguiranno nel corso della settimana.

Per informazioni sulle iniziative in programma è possibile visitare il sito www.varesedesignweek-va.it

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 7 aprile 2017. Filed under Arte,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *