Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Incendio doloso distributore a Gallarate: l’autore è un noto pregiudicato residente in città

GALLARATE, 8 aprile 2017-Gli investigatori del Commissariato PS di Gallarate a seguito di serrate indagini, hanno identificato e denunciato alla Procura della Repubblica di Busto Arsizio un noto pregiudicato residente in Gallarate ritenuto responsabile dell’incendio appiccato la notte del 4 aprile scorso nei pressi della stazione.

E’ stato richiesto anche l’intervento dei Vigili del Fuoco i quali, dopo un attento sopralluogo, hanno confermato la natura dolosa del danneggiamento.

Infatti alle due circa di notte  di martedì scorso in Piazza Risorgimento è stato dato alle fiamme e parzialmente danneggiato  il distributore automatico di un noto esercizio pubblico della zona, la Volante del Commissariato di Gallarate, giunta sul posto, dopo aver messo in sicurezza il luogo, ha iniziato a raccogliere gli indizi utili alle indagini, tra cui alcune immagini ed alcune testimonianze di persone presenti nella zona dei giardini e presso la Stazione ferroviaria, riuscendo a ricostruire sommariamente un identikit dell’ignoto autore: uomo, circa 50/55 anni di età, indossava un piumino di colore nero con cappuccio ed una striscia bianca orizzontale all’altezza del petto, pantalone grigio scuro, maglia bianca, dalla corporatura robusta e capelli rasati.

Nei giorni successivi anche grazie ad un lavoro di comparazioni tra le descrizioni acquisite, le immagini estrapolate, ed i cartellini foto segnaletici della Polizia Scientifica si è giunti ad identificare quale presunto autore del reato A.V., italiano, cinquantenne, pluripregiudicato.

Sono tuttora in corso le indagini per capire le motivazioni del gesto.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 8 aprile 2017. Filed under Cronaca,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *