Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Gruppi nazifascisti del varesotto prendono di mira il giornalista Paolo Berizzi

Paolo Berizzi

VARESE, 13 aprile 2017 – «Ci troviamo di fronte a un nuovo atto intimidatorio nei confronti del quale non posso fare altro che esprimere la mia ferma condanna». Con queste parole Samuele Astuti, segretario provinciale del PD, manifesta la sua vicinanza a Paolo Berizzi, il giornalista di Repubblica oggetto di minacce da parte di gruppi neonazisti.

L’ultimo episodio si è verificato nei giorni scorsi a Gazzada Schianno, dove è stato trovato uno striscione rivolto al cronista bergamasco – definito «infame, delatore e vigliacco» – a firma di Do.Ra, un gruppo di estrema destra che opera nel Varesotto. «Piena solidarietà a Berizzi – prosegue Astuti -, la cui professionalità ha permesso di mettere in luce numerosi aspetti legati alla rinascita del neofascismo e del neonazismo in Italia. Purtroppo qualcuno sta cercando di ostacolare il suo lavoro e di procurargli problemi anche nella vita privata, visto e considerato che da circa un mese si trova in regime di tutela da parte della Digos».

Sullo striscione trovato a Gazzada si legge anche la frase «Giù le mani dal Mab»: il riferimento è al Manipolo d’avanguardia Bergamo, formazione che due settimane fa aveva firmato alcuni volantini di sostegno nei confronti di Do.Ra. In precedenza, Berizzi era stato minacciato attraverso una serie di messaggi apposti davanti alla sede di un testata online bergamasca. «Mi auguro – conclude Astuti  – che vengano al più presto presi provvedimenti esemplari verso i responsabili di queste azioni intimidatorie».

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 13 aprile 2017. Filed under POLITICA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *