Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Luca Paris si autosospende dalla delega al personale in Provincia: “Non c’è dialogo”

Luca Paris

VARESE, 19 aprile 2017-Ieri sera, all’inizio della seduta del Consiglio Provinciale, ho comunicato al Presidente e a tutto il Consiglio la mia autosospensione dalla delega al personale, conferitami da Vincenzi a metà dello scorso dicembre.

Da quella data e sino ad ad oggi ho lavorato per cercare di reimpostare la gestione dei rapporti con i lavoratori della Provincia e con le loro rappresentanze all’ insegna di una serena e dialettica “normalità”, partendo dal principio che anche le più forti contrapposizioni possono e devono trovare uno spiraglio per cercare un dialogo positivo nell’interesse dei cittadini, dei servizi erogati, dei comuni e degli enti che rappresentiamo; in sintesi, del buon andamento amministrativo.

Questa finalità è stata con me condivisa dai Consiglieri provinciali neoeletti Davide Tamborini e Giuseppe Licata, in un documento a firma congiunta reso pubblico all’inizio del mese di febbraio.

Devo mio malgrado prendere atto che, allo stato attuale, la mia iniziativa politica volta a ricostruire un clima di dialogo con i lavoratori e i loro rappresentanti non è stata supportata adeguatamente dal vertice dell’amministrazione provinciale, attraverso conseguenti e concreti atti di indirizzo verso la direzione generale e del personale.

Da qui la decisione della mia autosospensione dalla delega al personale, che mi auguro venga colta come l’occasione per una riflessione interna alla maggioranza, finalizzata ad un positivo cambiamento nelle politiche del personale della coalizione di governo della Provincia di Varese.

Luca Paris

Consigliere provinciale gruppo civici e democratici

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 19 aprile 2017. Filed under POLITICA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *