Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Con la piattaforma Lendix finanziare le PMI è più semplice

VARESE, 20 aprile 2017- Lendix – società leader in Europa nel finanziamento online alle imprese – apre la piattaforma alle piccole e medie imprese italiane. A partire da oggi, le PMI italiane con progetti tra i 30.000 e i 2 milioni di euro avranno l’opportunità di essere finanziate direttamente da una comunità di investitori internazionali.

Le imprese possono testare online la loro idoneità a richiedere un finanziamento sulla piattaforma Lendix in modo semplice e gratuito inserendo il codice fiscale, l’importo e la durata del prestito richiesto. Grazie alla vasta rete di investitori istituzionali e privati, Lendix garantisce che, una volta approvato, il progetto venga interamente finanziato.

“Da oggi le PMI italiane hanno una nuova opportunità, oltre il tradizionale canale bancario, per accedere al credito e realizzare i propri piani di crescita. Siamo convinti che questo nuovo modello di finanziamento sia in grado di rispondere alle esigenze degli imprenditori italiani, confermando il forte interesse già riscontrato sul mercato francese e spagnolo”, ha commentato Sergio Zocchi, Amministratore Delegato di Lendix Italia. 

Questa nuova fonte di finanziamento rappresenta una valida soluzione per gli imprenditori italiani nell’attuale scenario economico perché è rapida, semplice e non richiede alcuna garanzia a titolo personale. L’apertura della piattaforma Lendix alle PMI italiane segna un’importante tappa nel processo di creazione di un mercato europeo del credito alle imprese, consentendo agli investitori di scegliere tra una più ampia gamma di progetti d’investimento. Tramite Lendix, sono già stati finanziati oltre 70 milioni di euro per 205 progetti di sviluppo imprenditoriale.

 

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 20 aprile 2017. Filed under Economia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *