Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

L’ultimo saluto a Michele Scarponi davanti a cinquemila persone. Nibali: ” Cercheremo di tenere vivo il tuo ricordo a lungo”

La moglie Anna con i due gemelli

FILOTTRANO (ANCONA), 25 aprile 2017 – “Ciao Michele. Sei morto da capitano, lo eri e lo sarai sempre”. Davide Cassani, commissario tecnico della Nazionale di ciclismo, è quasi incredulo nel dover salutare per l’ultima volta Michele Scarponi dentro uno stadio gremito da oltre 5 mila persone. Si

Vincenzo Nibali durante i funerali di Michele Scarponi.

inchina davanti al feretro che accoglie Michele e depone lì la maglia azzurra che lo accompagnerà per sempre: “per te non è un regalo”, precisa Cassani che con una voce rotta dalla commozione ripercorre la carriera dell’Aquila di Filottrano. Talento, sacrificio, dedizione, umanità e allegria.

Un campione dalle tante affermazioni ma anche esempio di grande gregario come lo stesso Cassani è stato nella sua lunga carriera. Il ct ha portato anche il cordoglio del grande Eddie Merckx che lo ha chiamato per esprimere il suo dolore. “Non hai vinto come Merckx – ha detto Cassani – ma sei un campione come lui, di dedizione e di lealtà”.

Marino Bartoletti e Davide Cassani partecipano ai funerali

“Come atleta, come compagno di camera e di squadra lo ricordo come un fratello maggiore e minore, non ci sono altre parole da aggiungere.
Cercheremo di tenere vivo il suo ricordo il più a lungo possibile”. Lo ha detto Vincenzo Nibali a margine delle esequie di Michele Scarponi che è stato suo amico e compagno di squadra. “Molte persone oggi – ha aggiunto Nibali – hanno racchiuso quello che volevamo dire: da Cassani al Fan club al cardinale”, l’arcivescovo di Ancona-Osimo, mons. Edoardo Menichelli, che ha concelebrato la messa.(ANSA)

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 25 aprile 2017. Filed under Cronaca,PROVINCIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *