Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Denunciato “cecchino” che prendeva di mira cartelli stradali a Gallarate

GALLARATE, 26 aprile 2017-Nel pomeriggio di domenica scorsa gli operatori della Polizia di Stato  del Commissariato di Gallarate sono intervenuti nei pressi della rotatoria tra via Assisi e via Monte San Martino, dove vi è  anche una  pista ciclabile che nelle giornate festive è frequentata da famiglie e sportivi.

L’intervento è scaturito a seguito di una  segnalazione raccolta da un passante che ha riferito ai poliziotti di aver udito alcuni spari che, dalla descrizione, hanno subito fatto presupporre agli agenti che provenissero da un’arma ad aria compressa.

Il testimone ha anche aggiunto il particolare che, a seguito degli spari, aveva udito un conseguente suono metallico, come se fosse stato colpito un cartello stradale.

Sulla scorta delle prime dichiarazioni raccolte, gli operatori della Volante hanno individuato il probabile appartamento dal quale erano stati esplosi i colpi.

Raggiunto lo stabile in questione, gli agenti  hanno  fermato un’autovettura che si stava allontanando frettolosamente dal luogo, identificandone il conducente in un cinquantenne residente a Gallarate.

La carabina sequestrata

Dai controlli immediatamente effettuati nell’appartamento del fermato sono stati rinvenuti e sequestrati una carabina ad aria compressa dotata di un cannocchiale di precisione,  munizionamento composto da piombini metallici ed un puntatore laser. Il successivo sopralluogo ha anche permesso di individuare i cartelli stradali presi di mira e danneggiati dal “cecchino”.

L’uomo è stato pertanto accompagnato in Commissariato e deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Busto Arsizio per danneggiamento e getto di cose pericolose.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 26 aprile 2017. Filed under Cronaca,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *