Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La denuncia: “La Provincia non paga i dipendenti ma aumenta stipendi ai dirigenti”

Villa Recalcati sede della Provincia di Varese

VARESE, 27 aprile 2017-L’assemblea dei dipendenti ha votato all’unanimità lo stato di agitazione e le azioni di protesta da attuare verso la Provincia che ha chiuso ogni relazione sindacale e continua ad agire unilateralmente malgrado le richieste dei lavoratori e i crescenti problemi dei servizi ai cittadini. Mentre i dipendenti non ricevono il salario accessorio dal 2013, la Provincia approva con delibera presidenziale n°35 del 07.03.2017 il contratto ai dirigenti assegnando un premio di € 303.000 per il solo anno 2016 ai 2 dirigenti restanti e per 5 mesi di lavoro a due dirigenti ora in pensione con media di ben oltre 100.000 euro annui a testa. La provincia agisce come se i 2 dirigenti fossero i soli a lavorare nell’Ente . Ogni cittadino invece può verificare giornalmente il lavoro dei cantonieri e dei tecnici sulle nostre strade, degli uffici scolastici e dell’ambiente, della rete bibliotecaria, della vigilanza faunistica e della protezione civile, dei centri di formazione professionale e degli operatori dei centri per l’impiego, personale, quest’ultimo, che opera in condizioni di disagio anche fisico dovuto alla scarsità di personale fronte a carichi di lavoro sempre crescente vista la situazione di crisi del mondo del lavoro. A ciò si aggiunge la totale mancanza di informazione e confronto sul futuro dell’Agenzia Formativa, struttura che garantisce l’obbligo formativo alle fasce più deboli della nostra provincia e che quindi deve essere certo e solido.

Ad oggi non sono chiare le basi della sostenibilità di questa azienda che pare poggiare solo su entrare legate a doti scuola e sovvenzioni provinciali, senza cespiti immobiliari propri e quindi con poche garanzie per il futuro dei dipendenti che vi transiterebbero. Tutto quanto sopra, unito all’autosospensione del consigliere delegato al personale, cui va la nostra piena solidarietà, ed alla mancanza di trasparenza nelle decisioni adottate, evidenzia l’assenza di una chiara linea politica di gestione dell’Ente che danneggia i servizi al cittadino che sono il fine ultimo, oltreché l’orgoglio, di tutti gli operatori della Provincia.

Per questi motivi l’assemblea ha votato lo stato di agitazione di tutto il personale e a richiedere un incontro urgente con il Prefetto al fine di riaprire realmente il tavolo sindacale. Intanto partiranno azioni di sensibilizzazione e informazione sia del Consiglio Provinciale che dell’Assemblea dei Sindaci, organo plenario provinciale, per portare tutti gli amministratori a conoscenza del reale stato dei fatti e delle modalità con cui è attualmente gestito l’Ente. Qualora non si raggiungessero esiti con le citate procedure di raffreddamento si attiverà una azione di sciopero con volantinaggio, così da informare anche i cittadini che sono i veri utenti dell’Ente e renderli partecipi delle ricadute sul territorio di una inadeguata gestione.

La RSu della Provincia di Varese FP CGIL-FP CISL- UIL FPL – U.P.CISAL

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 27 aprile 2017. Filed under Economia,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *