Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il segretario Generale sindacato Polizia Penitenziaria si complimenta per il blitz della polizia in Stazione Centrale

MILANO, 3 maggio 2017-In seguito al blitz effettuato ieri pomeriggio dalla polizia di Stato presso la stazione centrale di Milano, il Segretario Generale del Sindacato di Polizia Penitenziaria “S.PP.”  Aldo Di Giacomo esprime compiacimento e sente il dovere di ringraziare tutti gli uomini in divisa che quotidianamente lottano contro chi ha fatto dell’illegalità uno stile di vita. L’operazione di ieri, coordinata dal Questore di Milano, è un segnale importante, un segnale che deve far capire alle migliaia di immigrati clandestini che pensano di fare delle nostre Città il loro ufficio per delinquere che, se non hanno l’intento di adeguarsi alle Leggi che regolano il nostro Paese, è meglio che se ne tornino a casa loro.

Di Giacomo auspica: “tutti coloro che si trovano in modo irregolare nel nostro Paese e che sono dediti a commettere crimini, possano essere velocemente espulsi” – continua il segretario- “le nostre città, i nostri cittadini, hanno bisogno di sicurezza”, ricordando a tutti coloro che, esprimendo in modo ipocrita un buonismo di facciata o ideologico, hanno manifestato solidarietà ai tanti clandestini irregolari fermati ieri, che i delinquenti non sono gli uomini in divisa che servono il proprio paese per garantire a tutti un futuro migliore, ma quelle decine e decine di spacciatori e venditori di morte che sono stati legittimamente fermati.

In quest’ottica si fa presente che Aldo Di Giacomo è anche promotore della legge di iniziativa popolare sulla legittima difesa e violazione di domicilio che ha già raggiunto trecentomila firme e che tutti i cittadini possono firmare presso il proprio comune di residenza sino al 17 settembre 2017.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 3 maggio 2017. Filed under MILANO. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *