Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La verità sulla morte di Attilio Manca: la racconta in un libro il giornalista Lorenzo Baldo ospite alla Biblioteca di Varese

VARESE, 3 maggio 2017- di GIANNI BERALDO

Lorenzo Baldo

Interessante appuntamento culturale domani, giovedì 4 maggio, alla Biblioteca Comunale dove verrà presentato il libro “Suicidate Attilio Manca” (Imprimatur editore). Libro inchiesta scritto dal giornalista palermitano Lorenzo Baldo già autore de “Gli ultimi giorni di Paolo Borsellino”.

L’incontro, che inizierà alle ore 18, oltre all’autore vedrà la presenza di Giorgio Bongiovanni direttore rivista Antimafia Duemila, Umberto Colombo segretario provinciale Cgil Varese e Giorgio Saporiti, segretario provinciale Silp Cgil. Coordina l’incontro il giornalista Michele Mancino

LA STORIA

È il 12 febbraio 2004. A Viterbo, in un appartamento di via Monteverdi viene ritrovato il cadavere di Attilio Manca. Il corpo del giovane urologo di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), che operava all’ospedale di Viterbo, è riverso trasversalmente sul piumone del letto, seminudo. A

Il libro

causarne la morte, come accertato dall’autopsia, l’effetto combinato di tre sostanze: alcolici, eroina e Diazepam. Sul suo braccio sinistro i segni di due iniezioni. Per la Procura di Viterbo non c’è dubbio, si è trattato di un suicidio. Ma Attilio Manca è un mancino puro. Non ha alcun motivo per suicidarsi. E, soprattutto, dietro a questa misteriosa vicenda si intravede l’ombra di Cosa nostra. Il giovane urologo, specializzato nella tecnica laparoscopica, potrebbe aver assistito all’intervento alla prostata al quale nel 2003 era stato sottoposto Bernardo Provenzano in una clinica di Marsiglia, o quanto meno potrebbe averlo visitato prima o dopo l’intervento. Sullo sfondo gli apparati deviati di uno Stato che non ha alcun interesse a fare luce su questa strana morte.
A dodici anni di distanza Fabio Repici e l’ex pm Antonio Ingroia, legali della famiglia Manca, vogliono un processo sulla base delle rivelazioni di boss come Giuseppe Setola e Carmelo D’Amico. Un lungo viaggio alla ricerca della verità.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 3 maggio 2017. Filed under Spettacoli&Cultura,Varese,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *