Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Raccolta firme e grigliata solidale venerdì a “La Quiete” di Varese

VARESE, 3 maggio 2017- di GIANNI BERALDO

Alcuni dipendenti della Quiete

“Facciamo rumore, salviamo la Quiete”, slogan efficace e utile a far sì che la gente, i cittadini, i varesini non dimentichino la drammatica situazione in cui versano decine di lavoratori e altrettanto famiglie della clinica privata “La Quiete” di Varese. 

Ricordiamo che la storica struttura sanitaria situata in un bellissimo contest- praticamente in centro città-è stata posta sotto sequestro dall’Ufficiale Giudiziario  per vicende finanziarie con i proprietari non in gradi di risolvere i requisiti necessari (economici ma pure strutturali) utili nel continuare l’attività sanitaria.

In realtà “La Quiete” non è chiusa del tutto ma esercita funzioni sanitarie legate ad attività di ricovero nei confronti degli ultimi 4 pazienti ancora presenti nella struttura ancora prima della dichiarazione di fallimento.

A questo punto gli unici a rischiare il posto sono i dipendenti, gli stessi che stanno occupando a oltranza la casa di cura varesina organizzando iniziative  utili a far sì che i riflettori mediatici non si spengano.

Tra le idee messe in campo l’iniziativa che verrà organizzata venerdì 5 maggio, con l’apertura al pubblico prevista per le ore 16.30 con raccolta firme a sostegno dei lavoratori.

Il pomeriggio proseguirà con un breve intrattenimento musicale, mentre alle 18.30 via a una “grigliata solidale” il cui ricavato sarà devoluto alla Associazione “Per la Vita di Castelluccio di Norcia onlus”. La chiusura della manifestazione è prevista per le 20.30.

direttore@varese7press.it

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 3 maggio 2017. Filed under Economia,Sanità,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *