Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Confesercenti punta al rilancio economico della città partendo dalle aree dismesse e riqualifica di Piazza Repubblica

VARESE, 4 maggio 2017- di GIANNI BERALDO

Aletti Montano, Spada, De Fino

Il neo eletto presidente di Confsercenti Varese Christian Spada- insieme alla direttrice Rosita De Fino così come tutti gli altri associati che fanno parte della Lista Presidenziale territoriale-ha le idee chiare sul cosa fare per il rilancio del commercio varesino, dove capacità spirito imprenditoriale e concretezza sono e dovranno esserlo maggiormente in futuro, quella vera forza trainante che ha sempre contraddistinto il lavoro di Confesercenti.

Vi sono stati importanti momenti di difficoltà con l’onda lunga ancora manifesta. D’altronde è sufficiente fare un giro tra le vie meno centrali di Varese per capire quanti danni ha prodotto la crisi, con negozianti anche storici costretti ad arrendersi al fato con le serrande chiuse per sempre.

Uno scenario piuttosto triste, soprattutto per una città considerata agli occhi dei non residenti ancora come una chimera a livello economico e commerciale nello specifico. In realtà questa crisi, dalla quale ci si sta lentamente riprendendo, ha colpito molti settori in comparti diversi non solo in provincia di Varese ma in tutto il Paese così come in gran parte d’Europa.

Ma Confesercenti non ci sta. Ecco allora pronto un piano di rilancio iniziando dal nuovo organigramma dirigenziale che vede appunto alla guida Christian Spada, che rimpiazza dopo anni Francesco Aletti Montano che si congeda dal ruolo commuovendosi <<Ringrazio davvero tutti per il grande supporto ma anche affetto e amicizia dimostrata in tanti anni nei miei confronti. Un gruppo che ha sempre lavorato benissimo superando brillantemente tante difficoltà. Ora spazio ai giovani>> I giovani appunto. Saranno loro infatti ha proseguire la mission di Montano con tante idee e proposte che non lasciano spazi a dubbi sul loro valore che dovrebbe riflettersi in nuova linfa per il commercio varesino.

I primi progetti da rendere esecutivi, ovviamente in collaborazione con l’amministrazione comunale, non poteva che riguardare le aree

La direttrice De Fino

dismesse, luoghi che danno un’immagine negativa della città oltre a creare pure problemi a livello di sicurezza <<In cantiere vi sono già progetti operativi, come ad esempio il recupero di una grande area in via Robbioni dove nascerà un grande store di un famoso marchio commerciale- dice spada che aggiunge- poi abbiamo pensato all’area dove vi era la sede Enel in viale Belforte. In questo caso sarà completamente ristrutturato l’intero comparto, che prevede anche una rotatoria che colleghi le varie strade anche a livello pedonale riqualificando di fatto la bellissima piazzetta di Biumo che sarà raggiungibile a piedi senza problemi>>.

La principale priorità per i commercianti varesini l’attesa riqualificazione di Piazza Repubblica che sta divenendo sempre più luogo si spaccio di droga e correlata microcriminalità, situazione  che certamente non alletta chi vorrebbe investire con esercizi commerciali o altro. Anche in questo caso Conefsercenti si sta muovendo bene, interfacciandosi spesso con il sindaco Davide Galimberti così da trovare soluzioni comuni per il rilancio della piazza e del relativo commercio <<il sindaco recentemente ci ha assicurato che a breve vi sarà un presidio fisso  in Piazza Repubblica dove si alterneranno vari componenti delle Forze dell’ordine: dai carabinieri alla polizia e guardia di finanza. Una valida soluzione per il problema sicurezza anche se partirà in via sperimentale sono a livello diurno. Risolto problema sicurezza i nostri commercianti saranno pronti a investire in un luogo topico e caro ai varesini>>.

Tra le varie idee e proposte già presentate all’amministrazione comunale dalla Confesercenti, anche quella di installare un mega schermo (sponsorizzato) modello visione partite mondiali di calcio. Su questo ci dice ancora qualcosa il neo presidente <<si tratterebbe di proiettare in diretta le immagini relativi al flusso di persone che attraversano la piazza o la percorrono ai margini, sfruttando il monitoraggio costante delle videocamere di sicurezza già installate. Certo rimane la questione della privacy ma su questo ci sta pensando lo stesso sindaco, che è pure avvocato, nel verificare cosa prevede la normativa in merito>>.

Il presidente Spada

Certo potrebbe essere un deterrente per tanti malfattori che hanno preso Piazza Repubblica come luogo di smistamento e spaccio droga così come creare disordini e molestare i passanti (soprattutto ragazze) che spesso per paura non posteggiano nemmeno nel silos presente con entrata principale rivolta verso la piazza.

Maxischermo che potrebbe essere recepito anche con una certa vis di allegria considerato la dilagante moda dei selfie. Immaginatevi infatti decine di ragazzi, di persone che la cospetto delle videocamere, si mettano in posa o salutino prospettando un attimo di inaspettata notorietà.

Anche questo potrebbe essere un modo civile e simpatica di rendere più fruibile e in sicurezza la città.

Insomma la vera sfida è il rilancio di Piazza Repubblica, come evidenzia pure la direttrice Rosita De Fino <<Per farlo abbiamo pensato a soluzioni anche ludiche, tipo una grande dama o altri giochi simili che tanto successo hanno ottenuto in diverse città>>.

Un progetto pensato per i giovani ma soprattutto per le persone anziane dove la piazza tornerebbe ideale luogo aggregativo. Ma non basta <<in attesa che inizino i lavori di riqualifica piazza ed ex Caserma, nel frattempo noi non abbandoneremo questo luogo. In programma abbiamo diverse manifestazioni con il ritorno dello Street Food, la festa del cioccolato e altro ancora perchè questa piazza non deve morire ma rinascere a nuova vita anche con il nostro aiuto>>.

direttore@varese7press.it

 

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 4 Maggio 2017. Filed under Economia,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.