Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Inchiesta tariffe esumazioni. La replica di Marco Cavallin sindaco di Induno Olona: “I costi sono complessivi di altri lavori”

VARESE, 4 maggio 2017- di REBECCA MANZI

Il sindaco Cavallin ha voluto fare chiarezza

Ha suscitato un certo clamore, soprattutto attraverso le varie piattaforme social dove è stato rilanciato, la nostra inchiesta sulle tariffe richieste ai cittadini per le esumazioni nei maggiori Comuni della provincia di Varese.

Inchiesta iniziata dopo segnalazione da parte di una signora residente a Induno Olona, la quale si è vista recapitare una lettera dal Comune con cui le venivano richiesti ben 850 euro per l’esumazione del nonno deceduto nel 1994.

Tariffa molto più alta rispetto ad altre amministrazioni comunali (addirittura qualcuna non prevede esborsi da parte del cittadino).

Il sindaco di Induno Olona, Marco Cavallin, ha voluto chiarire una volta per tutte la questione <<Il nostro Comune non ha alcuna intenzione di speculare su un tema così delicato per i cittadini>> ha rassicurato il Primo Cittadino. <<le somme che vengono richieste sono dovute agli alti costi necessari per il completamento delle operazioni, che non si limitano alla sola esumazione>>.

Il Sindaco ha spiegato infatti come spesso sopraggiungano problematiche correlate all’esumazione di una determinata tomba: ad esempio la necessità di sistemare anche i loculi adiacenti soggetti all’usura del tempo. Inoltre il cimitero comunale è dotato di vialetti in ghiaia che necessitano una manutenzione decisamente maggiore rispetto al manto erboso.

«Non si deve solo guardare al costo delle esumazioni, ma anche a quelli richiesti per altri servizi cimiteriali» ha spiegato ancora Cavallin. Il Comune di Induno Olona ad esempio offre ai propri cittadini la possibilità di utilizzare il posto comune senza alcun tipo di esborso.

Al concorrere del prezzo per le esumazioni vi sono inoltre gli alti costi per lo smaltimento speciale di tutti gli oggetti che corredavano le bare rimosse, per il quale si devono seguire procedure molto rigide.

Il Sindaco ha infine promesso di impegnarsi per cercare di livellare il più possibile le tariffe con quelle dei Comuni limitrofi.

Dunque un tema decisamente delicato e sentito sia dalle amministrazioni comunali che dai cittadini che continuerà a far discutere a lungo.

redazione@varese7press.it

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 4 maggio 2017. Filed under Varese. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *