Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Busto Arsizio: la stele della Madonna dell’Aiuto verrà ricollocata nella sede originaria

BUSTO ARSIZIO, 9 maggio 2017- Venerdì 12 maggio alle ore 15 ai 5 Ponti (viale Diaz) sarà presentata l’iniziativa della ricollocazione della stele della Madonna dell’Aiuto nella sede originaria, promossa dal “Busto al Centro” in occasione del cinquecentesimo anniversario del santuario di Santa Maria.

Sarà l’occasione per conoscere, anche con l’aiuto del comitato appositamente costituito e presieduto dal prof. Enrico Maria Tacchi, il valore storico, artistico e religioso dell’opera, realizzata dallo scultore Giuseppe Rebesco nel 1947, in occasione del primo Congresso mariano diocesano, in cinque esemplari posti agli ingressi della città. Qualche anno fa, durante i lavori ai 5 Ponti, la stele venne spostata sul sagrato della chiesa di san Giuseppe e proprio in questi giorni è stata riportata nella sede originaria.

Alla presentazione, alla quale siete gentilmente invitati a partecipare, saranno presenti il sindaco Emanuele Antonelli, monsignor Severino Pagani, i rappresentanti di Busto al Centro e il comitato promotore dell’iniziativa.

 Domenica 14 maggio, alle 10.15 circa, prima di presiedere la santa messa solenne che inizierà alle 11.00 in piazza santa Maria, il cardinale Angelo Scola si fermerà ai 5 Ponti per una preghiera e la benedizione della stele. Il cardinale arriverà da Milano: scortato dalle moto della Polizia locale, sarà accompagnato ai 5 Ponti dove sarà accolto dal sindaco e dalla giunta. Il corteo proseguirà verso piazza san Giovanni, da qui l’arcivescovo proseguirà a piedi verso piazza santa Maria dove si svolgerà la santa messa, una concelebrazione a cui parteciperanno i sacerdoti della parrocchia san Giovanni e quasi tutti i parroci della Città.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 9 maggio 2017. Filed under PROVINCIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *