Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il talentuoso soulman Jake Isaac in concerto al Tunnel di Milano

Jake Isaac ( foto di Mark Surridge)

MILANO, 17 maggio 2017-La nuova voce inglese del soul Jake Isaac arriva in Italia per un’unica tappa del suo tour europeo al Tunnel Club di Milano il 19 maggio, occasione per presentare live l’album di debutto “Our Lives, uscito il 5 maggio.

Il cantante, compositore e musicista di South London sarà special guest del tour britannico di Elton John quest’estate.

 Special guest dell’attesissimo concerto sarà la cantante britannica Kimberly Anne, la quale crea una musica dai suoni freschi ed eclettici: un matrimonio tra pop acustico e indie, con influenze afro-caraibiche e ritmi brasiliani.

 Astro nascente capace di mescolare folk, soul, pop e una voce incredibile, potente e allo stesso tempo dolcissima, Jake Isaac ha pubblicato lo scorso anno il suo EP ‘Where We Belong’ per la Rocket Records di Elton John, che è andato dritto nella Top 10 della classifica iTunes Singer Songwriter.

‘Where We Belong’ contiene quattro trace: la contagiosa ‘Home’, ‘I’m A Man’ (scritta con Jake Gosling e Chris Leonard, collaboratori di Ed Sheeran ),‘Fool For You’, e la vibrante ‘Till The Sunrise’. Con questo lavoro Isaac sta raggiungendo molto velocemente un posto d’onore nella mappa della musica a fianco di artisti del calibro di George Ezra, Michael Kiwanuka e James Bay.

Jake Isaac è stato supporter di Ella Eyre, Paloma Faith, Angus & Julia Stone e Joan As Police Woman e ha calcato i palchi di 40 festival più importanti di Inghilterra ed Europa fra cui ricordiamo una notevole performance a Glastonbury.

Se non lo conoscete ancora, Vivo è molto orgogliosa di presentarvi un artista che sarà presto sulla bocca di tutti.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 17 maggio 2017. Filed under Musica. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *