Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Scuola Primaria “Addolorata” di Varese si trasferirà nonostante le polemiche

VARESE, 18 maggio 2017 – “La scuola Addolorata di Varese è un patrimonio per la città che manterremo e continueremo a rafforzare, migliorando e potenziando i servizi attraverso un dialogo e un confronto con i genitori degli alunni. La scuola da settembre si trasferirà in via Como, nello stabile in questo momento sottoutilizzato che ospita anche la scuola Mazzini”. Questo il commento del sindaco Davide Galimberti al termine della Giunta che questa mattina ha deliberato il trasferimento delle classi della Scuola Addolorata presso l’edificio scolastico della Mazzini. Si tratta di uno spostamento di 50 metri tra due edifici di Varese molto vicini.

“In questi mesi verranno realizzati tutti i lavori perché i bambini a settembre possano trovare una scuola accogliente, bella e sicura. Tutte le classi attualmente esistenti all’Addolorata verranno mantenute e le stesse insegnati continueranno a seguire gli studenti come fatto in questi anni”. Ai bambini quindi il Comune garantisce una continuità totale nell’offerta formativa, nelle insegnanti e nelle dotazioni tecnologiche e delle attrezzature scolastiche presenti ora nella Scuola Addolorata. Verranno inoltre attivati e garantiti tutti i servizi parascolastici comunali di refezione scolastica, pre scuola e dopo scuola a favore degli iscritti alla scuola primaria Addolorata. Le iscrizioni per i servizi saranno aperte dal 23 maggio al 1 luglio 2017.  Dopo l’incontro di ieri sera con i genitori della scuola la Giunta ha dato l’incarico di valutare la possibilità di attivare il servizio pre scuola già dalle ore 7 del mattino per il plesso Mazzini Addolorata. Il collegio docenti, la dirigente e i genitori sono stati coinvolti nei giorni scorsi nella scelta e il Comune ha proposto due scuole: la Cairoli e la Mazzini. La scelta del Consiglio di istituto è andata in favore dello spostamento dell’Addolorata presso la Mazzini.

“La scuola Addolorata non chiude anzi resterà sempre un punto di riferimento della città – prosegue il sindaco Galimberti – come abbiamo spiegato ai genitori si tratta di un trasferimento di 50 metri da uno stabile per il quale oggi il Comune versa circa 60 mila euro all’anno di affitto  ad uno invece di proprietà del Comune che oggi presenta diverse aule vuote. Mi rendo conto del disagio che inizialmente potrebbe arrecarsi alle famiglie. La scelta che abbiamo fatto è stata difficile ma a Varese oggi abbiamo 20 scuole occupate anche sotto il 50% e con costi da sostenere come se fossero piene. Per questo motivo abbiamo dovuto fare delle scelte basate sulprincipio di buon governo e di economicità, garantendo però i servizi per i bambini e le famiglie. Ribadisco però che la scuola Addolorata resterà viva e i bambini potranno continuare normalmente il loro percorso di studi”.

La scelta compiuta dal Comune di Varese si è resa necessaria anche per il quadro normativo nazionale fortemente restrittivo nei confronti delle spese di locazione. Il legislatore infatti chiede sempre più ai Comuni di effettuare scelte di riduzione della spesa dove possibile. E quindi non è più possibile pagare canoni di locazione quando non strettamente necessario. La scuola Addolorata presenta infatti nelle vicinanze numerosi edifici scolastici di proprietà del Comune con ampia disponibilità di spazi. “In questo senso non era possibile rinviare ulteriormente questa difficile scelta. Ribadisco nuovamente, come già fatto dall’assessore ai Servizi sociali, che l’impegno del Comune in favore della mensa di via Luini, gestita dalle suore, che ogni giorno aiuta tante persone in difficoltà resta e non vedrà nessuna riduzione del sostegno. Il servizio fornito dalle suore, così come quello che si svolge alla Brunella e alla Croce Rossa, costituiscono  un sostegno fondamentale per la città e il Comune proseguirà il suo impegno in favore di queste realtà”.

Con il risparmio che avremo potremo potenziare i servizi scolastici per tutti i bambini di Varese – dichiara l’assessore ai Servizi educativi Rossella Dimaggio – Come spiegato anche ieri ai genitori infatti i soldi risparmiati saranno utilizzati per migliorare tutti i servizi del sistema scolastico varesino e per migliorare la sicurezza e il decoro delle scuole. Da oggi poi insieme ai genitori della scuola Addolorata verrà attivato un tavolo di lavoro che coinvolgerà anche la dirigente scolastica, e insieme lavoreremo per migliorare sempre di più l’offerta fornita dal Comune in base anche alle esigenze dei genitori”.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 18 maggio 2017. Filed under Varese,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *