Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Nella hall dell’Ospedale di Circolo arriva la pianta tattile realizzata dai ragazzi del CPIA

VARESE, 24 maggio 2017-Lunedì 29 maggio alle ore 11.00, nella Hall del Monoblocco dell’Ospedale di Circolo di Varese i ragazzi del CPIA di Varese consegneranno nelle mani del Direttore Generale della ASST dei Sette Laghi, dott. Callisto Bravi, la pianta tattile del piano terra dell’Ospedale.

Per 9 mesi, ogni lunedì, un gruppo di ragazzi del CPIA e i loro docenti, hanno lavorato al progetto “Varese da toccare”, realizzando una pianta tattile di una parte dell’Ospedale di Circolo, da installare all’ingresso del Monoblocco, in modo da permettere a chi non vede di capire la struttura dell’Ospedale, e di essere quindi agevolato nella mobilità autonoma.

E’ un progetto che i ragazzi del CPIA hanno svolto con entusiasmo e dedizione e che verrà presentato a tutti con grande orgoglio e che mette in evidenza come la collaborazione possa essere uno straordinario strumento di crescita e di inclusione. Per tutti.

Alla conferenza stampa interverranno il Direttore generale dell’ASST dei Sette Laghi, dott. Callisto Bravi; i docenti del CPIA che hanno seguito il progetto: il dirigente scolastico prof. Roberto Caielli, la prof.ssa Alessandra Gucciardo, la prof.ssa Anna Rossi; il Presidente della sezione di Varese dell’Unione Italiana Ciechi, dott. Gaetano Marchetto, consulente per la realizzazione del modello; il Segretario generale di Fondazione Comunitaria del Varesotto, dott. Carlo Massironi,che ha contribuito al finanziamento del progetto; il dott. Luigi Macchi dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Varese che ha patrocinato il progetto; il Sindaco di Varese, avv. Davide Galimberti e l’Assessora ai Servizi Educativi del Comune di Varese, dott.ssaRossella Dimaggio.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 24 Maggio 2017. Filed under Sanità. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.