Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il presidente Cattaneo in visita nei luoghi del terremoto

CAMPOTOSTO (Aquila), 25 maggio 2017“Cofinanzieremo attraverso l’utilizzo fino al 95% dei contributi dell’Unione europea la ricostruzione post-calamità naturali, con l’obiettivo di un rapido aiuto alle zone del Centro Italia”. Lo ha detto il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia e della Commissione Coter al Comitato europeo delle Regioni (CoR), Raffaele Cattaneo, che oggi ha visitato i Comuni del centro Italia colpiti dal terremoto con una delegazione del Comitato.

“La nostra presenza -ha detto Cattaneo- non è solo formale, ma concreta. Oltre all’aiuto che Regione Lombardia ha già portato con l’impegno fattivo degli uomini della protezione civile e con il contributo economico volontario raccolto insieme alle altre assemblee legislative d’Italia, siamo qui a confermare che l’Europa non lascerà soli i cittadini colpiti da questo terribile evento sismico che ha strappato la vita a centinaia di persone e, attraverso aiuti economici di finanziamento per la ricostruzione come confermato in queste ore dalla Commissaria Cretu, porterà avanti il percorso di sistemazione delle strutture. La situazione è ancora critica come ci hanno comunicato i rappresentanti istituzionali locali e i tanti cittadini che abbiamo incontrato. C’è bisogno di più tempestività perché le persone che hanno ancora bisogna di assistenza sono ancora tante e bisogna intervenire con maggiore celerità”.

Il Presidente Cattaneo ha incontrato i Sindaci dei principali paesi colpiti con una delegazione del Comitato europeo delle Regioni guidata dal Presidente Markku Markkula e con i governatori Catiuscia Marini (Umbria),  Luciano D’Alfonso (Abruzzo) e Luca Ceriscioli (Marche).

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 25 maggio 2017. Filed under Cronaca,PROVINCIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *