Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Da Busto Arsizio a Rebecco sul Naviglio: denunciata donna per spaccio cocaina

BUSTO ARSIZIO, 1 giugno 2017-Ieri sera, seguendo a ritroso uno dei canali che portano la cocaina a Busto Arsizio, gli investigatori del Commissariato della Polizia di Stato di via Ugo Foscolo sono arrivati a Robecco sul Naviglio dove hanno individuato una pusher e recuperato numerose dosi di droga destinate allo spaccio.

Nei giorni scorsi i poliziotti avevano sequestrato a cocainomani di Busto Arsizio dosi di polvere bianca accomunate dalle particolari modalità di confezionamento. Una rapida attività informativa e servizi di osservazione e pedinamento hanno rapidamente permesso agli investigatori di individuare la comune fonte di approvvigionamento in un appartamento di Robecco sul Naviglio (MI) occupato da due donne, madre e figlia, appartenenti a una famiglia della quale agli agenti del Commissariato si erano già occupati anni addietro e sempre per questioni di spaccio.

Così ieri sera i poliziotti di Busto Arsizio sono entrati in azione effettuando “in trasferta” una perquisizione domiciliare. La donna più giovane ha tentato inutilmente di disfarsi della merce illecita tardando ad aprire la porta agli agenti e nel frattempo nascondendo in un bidone per l’immondizia un astuccio che, oltre ad uno strumento medicale, conteneva le bustine di droga. I poliziotti hanno tuttavia recuperato l’oggetto e il suo contenuto, corrispondente a 34 bustine di cellophane per alimenti con all’interno cocaina e altri 15 grammi di “bamba” ancora da tagliare e dividere.

Solo le condizioni di salute assai precarie della donna hanno impedito l’arresto in flagranza; per lei è scattata comunque la denuncia per detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 1 giugno 2017. Filed under PROVINCIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *