Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Ruba una bicicletta, fermato dalla Polizia nel borsello aveva soldi e carte di credito rubate

BUSTO ARSIZIO, 3 giugno 2017– Ruba una bicicletta in stazione a Busto Arsizio ma viene intercettato poco dopo dalla Volante del Commissariato della Polizia di Stato.

Il fatto è avvenuto questa mattina questa mattina verso le 10, quando la centrale operativa del Commissariato di via Ugo Foscolo ha ricevuto la chiamata di un cittadino che lamentava di aver subito il furto della bicicletta che aveva parcheggiato poco prima all’esterno della stazione delle Ferrovie dello Stato.

I poliziotti hanno subito visionato le immagini registrate dall’impianto di video sorveglianza nelle quali si vedeva chiaramente un uomo che, dopo aver adocchiato la bicicletta, se ne impossessava e si allontanava pedalando.

La Volante ha quindi perlustrato la zona circostante e poco dopo, in via Mameli, ha incrociato lo stesso individuo ripreso dalle telecamere in sella alla bici. Il ladro, un trentottenne italiano residente a Legnano, è stato fermato, identificato e denunciato per furto aggravato.

Dal borsello, tra l’altro, sono saltati fuori documenti, bancomat, carte di credito e un libretto di assegni che, dai primi accertamenti, sono risultati provento di diversi furti commessi nella zona e che quindi hanno comportato anche una denuncia per ricettazione, mentre il possesso di una dose di hascisc ha avuto come conseguenza una segnalazione in Prefettura per uso di droga.

Nei confronti del legnanese il Questore di Varese ha infine emesso un provvedimento che gli vieta di tornare a Busto Arsizio per tre anni, accompagnato da un foglio di via obbligatorio per il comune di residenza. La bicicletta è stata subito restituita al proprietario.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 3 giugno 2017. Filed under Cronaca,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *