Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il campione di volley Jack Sintini martedì ospite al Palainsubria di Varese

VARESE, 5 giugno 2017 – Domani, 6 giugno 2017, duecento studenti dell’ISISS Daverio-Casula di Varese ascolteranno al PalaInsubria la testimonianza del campione della pallavolo Giacomo (Jack) Sintini.

L’iniziativa “Allenarsi per il Futuro” – organizzata dall’Ufficio Orientamento e Stage del Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi dell’Insubria in collaborazione con Bosch, Randstad e Sodalitas Varese – si propone di contrastare la disoccupazione ispirando i giovani attraverso la metafora sportiva: l’agonismo sportivo e la ricerca del lavoro, infatti, sono accomunati da motivazione, determinazione, raggiungimento dell’obiettivo.

Così come avvenuto qualche mese fa con il cestista Riccardo Pittis, domani il testimonial sportivo, campione della pallavolo e membro del team di Randstad, racconterà alla platea di studenti come essere vincenti e motivati, nello sport così come nel lavoro.

Giacomo Sintini, classe 1979, di Lugo di Romagna, ha cominciato a giocare a pallavolo dall’età di 14 anni, debuttando in Serie A1 a 18 anni. Ha partecipato a 13 campionati consecutivi nella massima serie italiana e a numerose manifestazioni con la maglia della nazionale. Nel 2011 gli viene diagnosticato un linfoma non Hodgkin e dopo un anno di terapie è tornato a giocare prima con la maglia del Trentino Volley (conquistando, nel 2013, scudetto, Coppa Italia e Supercoppa italiana), poi, fino al 2015, con la maglia di Callipo Sport Vibo Valentia. Ora si occupa di formazione motivazionale nelle scuole e nelle aziende.

Jack Sintini ha fondato un’associazione che raccoglie fondi per la ricerca contro il cancro e si occupa dell’assistenza ai pazienti: www.associazionegiacomosintini.it.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 5 giugno 2017. Filed under Sport,Varese,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *