Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Fondo Sclavi Festival 2017: un pò di “Profondo Rosso” con il concerto di Claudio Simonetti dei Goblin

Claudio Simonetti

VENEGONO SUPERIORE, 6 giugno 2017-Da venerdì 7 a domenica 9 luglio a Venegono Superiore si svolgerà FONDO SCLAVI FESTIVAL 2017 – CINEMUSICA DA PAURA, una tre giorni di musica, cinema e incontri per esplorare i temi del Fondo Sclavi di Venegono Superiore, donazione di 6500 libri che il padre di Dylan Dog ha fatto alla biblioteca locale. La “tre giorni” è uno dei tanti appuntamenti di un progetto realizzato da Totem Varese e dal Comune di Venegono Superiore in collaborazione con tante associazioni del territorio con il sostegno di Fondazione Cariplo, che quest’anno si fonde con CineMusica da paura, tradizionale appuntamento estivo al castello organizzato dall’associazione Sui Sentieri della Musica per esplorare il rapporto tra cinema e musica in chiave emozionale.

In attesa del variegato programma che prevede proiezioni di film musicati dal vivo, incontri con fumettisti e scrittori, laboratori per bambini e che verrà presentato tra due settimane, gli organizzatori con piacere segnalano il primo ospite del festival: Claudio Simonetti, compositore e musicista italiano, fondatore dello storico gruppo progressive rock dei Goblin, conosciuto per aver composto molte colonne sonore di pellicole italiane e americane, tra cui i film di Dario Argento Profondo Rosso, Suspiria e Phenomena. Simonetti sarà protagonista di un incontro intervista nel pomeriggio di sabato 8 luglio e un concerto serale presso il cortile interno del Castello. Durante la performance musicale verranno proiettati spezzoni dei film che hanno resto celebri nel mondo queste musiche. L’incontro pomeridiano sarà a ingresso gratuito mentre il concerto avrà un biglietto d’ingresso di 5 €.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 6 giugno 2017. Filed under PROVINCIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *