Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Era un giorno qualsiasi”, presentazione libro di Guadagnucci alla Biblioteca di Induno Olona

INDUNO OLONA, 8 giugno 2017-La locale sezione Anpi di Induno Olona organizza con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Induno Olona per sabato 10 giugno alle ore 17.00 presso la Biblioteca di Induno Olona  l’incontro con Lorenzo Guadagnucci per la presentazione del libro Era un giorno qualsiasi. Sant’Anna di Stazzema la strage del ’44 e la ricerca della verità.
Il libro parte dall’esperienza vissuta dal padre di Guadagnucci dell’eccidio nazista di Sant’Anna di Stazzema, in cui vengono uccise sua madre Elena e altre 400 persone. Eccidio che in Italia viene dimenticato fino al processo, clamoroso, del 2004, al quale si arriva grazie alla tenacia di un magistrato che riesce a individuare i responsabili della strage strappandola all’oblio. Durante il G8 di Genova del 2001 è Lorenzo Guadagnucci , figlio a vivere  una violenza cieca. La storia parte dal 1944 e giunge ai giorni nostri.
Con la presente chiedo  che venga pubblicato il seguente comunicato stampa:
Sabato 10 giugno alle ore 17 presso la  Biblioteca Civica di Induno Olona  verrà presentato il libro Era un giorno qualsiasi , scritto da Lorenzo Guadagnucci, giornalista  molto impegnato,  sarà presentato  dall’autore stesso.

L’iniziativa  proposta dal Gruppo di Lettura della sezione ANPI di Induno Olona, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura, sarà occasione  per conoscere  meglio e riflettere su una pagina importante della storia: la strage di  Sant’Anna di Stazzena del ’44. Le pagine dell’autore  sono – come dice nel sottotitolo- una storia lunga tre generazioni alla ricerca della verità. L’invito alla partecipazione è aperto a tutti .”

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 8 giugno 2017. Filed under PROVINCIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *