Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Di giorno libraio di sera musicista rock: la storia di Giovanni Testori in concerto a Gallarate per i 40 anni del Buscadero

GALLARATE, 8 giugno 2017 – di SARA MAGNOLI –

«A chiedermi un libro, un giorno, è stato Pino Scotto, voce dei Vanadium. L’ho visto scendere le scale della libreria e rivolgersi a me. E io gli ho chiesto di fare una foto insieme».

Non poteva lasciarsi sfuggire l’occasione, Giovanni Testori, “Il Coda”. Per uno come lui, chitarra in una band metal e rock, quello era uno scatto da fare e conservare. Dopo, solo dopo, a Pino Scotto ha dato il libro che cercava. Ed era un libro per bambini.

Sì, perché Giovanni, che di sera suona la chitarra nel suo gruppo di heavy metal, i Tyrant, di giorno fa il libraio. Lavora in una libreria ed è attivissimo nella sezione, appunto, bambini. Non solo: è bravissimo con il truccabimbi e con laboratori di animazione dedicati ai più piccoli, che lo adorano.

«Ma la cosa che più mi fa piacere, parlando di libri – confessa – è vedere come oggi le uscite editoriali dedicate al rock, all’hard rock, al metal siano molto più ricche rispetto a qualche anno fa, con pubblicazioni bellissime e interessanti, biografie di personaggi di quest’ambito musicale che sono molto particolari, che ti presentano le loro vite fin dall’infanzia, spesso con problemi e difficoltà da superare. Ed è bello imparare a conoscere musicisti che ami anche sotto questo aspetto umano».

Un libraio “rock”, o “metal rock”, che unisce nel suo lavoro e nel suo “dopolavoro” due passioni artistiche forti. E che lo portano dal mondo del racconto ai bambini a quello della musica a tutto volume in locali e manifestazioni prestigiose.

La band in cui suona è nata nel 1984, ma dopo alcuni anni sembrava destinata a sciogliersi. Finché nel 2000 lo stesso Giovanni, “Joe”, con un altro rappresentante storico del gruppo, Federico “Fico” Beccalori, il bassista, hanno deciso di ricominciare. A loro si sono uniti Samuele “Sam” Marchetto, voce e armonica, e Sandro Rocchi alla batteria, poi anche una seconda chitarra, quella di Stefano “Steve” Fasoli e la band si è riproposta in una fusione tra il southern rock e l’heavy metal in diversi live che l’hanno portata nel 2014 al loro primo cd e negli anni a esibirsi in locali “cult” del Milanese e non solo. Oltre a essere protagonisti di concerti a scopo benefico e sociale e a promuovere eventi che hanno unito la musica alla presentazione di libri, con domande agli autori che spaziavano anche nei gusti musicali degli stessi.

E venerdì 9 giugno saranno tra i quattro gruppi che suoneranno all’evento promosso dal Comitato commercianti di Gallarate quale tributo in occasione dell’uscita del quattrocentesimo numero del mensile d’informazione rock Buscadero nato dalla volontà e dalla passione per la musica di Paolo Carù. Quattro band in piazza Libertà a Gallarate, dalle 21 a mezzanotte, in una vera e propria festa.

I Tyrant

I Tyrant sono in programma alle 21.40, ma alle 21 si apre con gli Hot Coals, con Davide Tornanbè a chitarra e voce, Carlo Citterio al basso e Alessandro Convenga alla batteria. Alle 22.20 un tributo ai Rolling Stones con The Bos, Alessandro Papa voce, Wilson Papa  e Maurizio Musolino alle chitarre, Cristian alla batteria e Carlo Citterio al basso. Concludono alle 23 i Pigreco con Leonardo Varsalona al pianoforte, Daniele Bassi al basso, Alex Canella alla batteria, Tommaso Caccia alla chitarra e la voce di Marco Prins Pregnolato.

«Essere tra le band che onorano Buscadero in questa occasione importante è per me una grande soddisfazione – commenta il libraio rocker -. Come band non ci poniamo confini alle cose belle che si possono fare con la musica e le persone amiche».

s.magnoli@varese7press.it

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 8 giugno 2017. Filed under Musica,PROVINCIA,Spettacoli&Cultura,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *