Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Ripristinare servizio di controllo laghi e fiumi in provincia”, lo chiede M5Stelle in Regione

Lago di Varese

VARESE, 13 giugno 2017-Il M5S Lombardia ha depositato, nel corso del Consiglio regionale, una mozione urgente, a firma della consigliera regionale Paola Macchi, sul “Servizio di controllo e pattugliamento dei laghi e dei fiumi lombardi”.
“Le Polizie Nautiche Provinciali – spiega Macchi – erano corpi specialistici dediti al pattugliamento dei laghi e dei fiumi della nostra Regione, all’assistenza dei natanti in difficoltà e dei bagnanti in pericolo. Con la Legge 56 del 2014 sono state smantellate, creando un vuoto in termini di sicurezza. Dal giugno 2015 la competenza  è passata in capo alla Regione che però non ha destinato alcuna somma per la continuazione del servizio; sul Lago Maggiore ,dal 2015, sono solo i carabinieri di Luino che devono pattuglia 70 km di costa lacustre con una sola imbarcazione. Noi chiediamo alla Giunta che venga ripristinato un servizio importantissimo  per garantire la sicurezza di natanti e bagnanti soprattutto durante il periodo estivo appena iniziato; basta andare una domenica su una delle spiagge del nostro bel lago per rendersi conto di quanti bagnanti e quante moto d’acqua e natanti frequentano le nostre coste. Chiediamo che la  sicurezza  dei turisti del lago  sia una priorità della Regione, ci auguriamo che venga accolta”.
La mozione chiede che la Giunta regionale si attivi per “mettere in atto tutti i provvedimenti e gli atti volti ad eliminare questa incresciosa situazione, al fine di salvaguardare l’incolumità e la sicurezza all’interno delle acque territoriali interne e, nello specifico, della Provincia di Varese”.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 13 giugno 2017. Filed under Varese,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *