Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Basta deturpare il bene pubblico!”, la denuncia del gruppo consiliare “Per Gavirate, Groppello e Oltrona”

Gianni Lucchina

GAVIRATE, 14 giugno 2017- Basta offendere e deturpare il bene pubblico, basta con questi atti imbecilli ed incivili. Cosa ci guadagnano questi delinquenti,ripeto delinquenti, nel perseverare in questo modo danneggiando luoghi pubblici e di ritrovo cari ai Gaviratesi.

Non si rendono conto che a pagare sono le persone che ci lavorano e i cittadini con le tasse che versano ogni mese.

Certamente non possiamo avere un Carabiniere per ogni angolo della strada, ma dobbiamo a tutti i costi intervenire per far terminare questi episodi e per scoprire gli autori di questi scempi.

Subito nuove  telecamere a raggi infrarossi oggi ormai diffuse in molte città, collegate alle forze dell’ordine che possano individuare e filmare e registrare i responsabili.

Chiediamo alle forze dell’ordine una intensificazione del controllo notturno proprio dei questa zona. Un impegno corale, con la costituzione di un gruppo di controllo di vicinato a partire proprio da questa zona. Dobbiamo sentirci tutti impegnati a fermare questa situazione perchè sporcizia chiama sporcizia, scritta richiama scritta vandali richiamano vandali.

Allora in modo corale ognuno per quanto di sua competenza si mobiliti. Non giriamo la faccia, colpendo il patrimonio pubblico significa colpire direttamente ognuno di noi.

Difendiamo la nostra libertà di vivere in un paese accogliente e sicuro. Non possiamo lasciare sola la Pro loco ma dobbiamo sentirci tutti partecipi a difesa  della nostra Stazione.

Gianni Lucchina

Capogruppo Consiliare

Per Gavirate, Groppello, Oltrona e Voltorre

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 14 giugno 2017. Filed under POLITICA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *