Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Ci scrivono: “Tra “orgogli” gay e rosari al Sacro Monte”

VARESE, 20 giugno 2017- Ho letto vari articoli sul gay pride e il rosario al Sacromonte di un gruppo di cattolici per redimere il grave affronto alla famiglia .
Si può avere un’idea differente tra due estremizzazioni?
I difensori di un modello di famiglia tradizionale che non esiste più,patriarcale e contadina, e la moltiplicazione delle forme di convivenza ,una specie di polverizzazione dell’ipotesi iniziale ,mille forme e grandezze ,oltre ogni normale immaginazione. L’assurdità sta nel fatto che le nuove forme di convivenza dalla minimale atomizzazione ,vado a vivere da solo, alle nuove famiglie allargate reclamano un riconoscimento”legale”, un rientrare nella “normalità”. Passato e futuro che si confondono.
Non vedo alcuna innovazione e ne tanto meno rivoluzione nelle e sasperazioni e nella parata dell’orgoglio gay e altro. Ho conosciuto persone omosessuali meravigliose che non ostentavano il loro modo di amare come se fosse il migliore o l’esclusivo e altri invece presuntuosi ,indifferenti e pure razzisti.
Non ho partecipato e non lo faro’ in futuro a manifestazioni dove si ridicolizza la personalità umana ,dove la libertà viene confusa con le libertà.
Negli anni 60 e 70 i movimenti anti sistema avevano in sé un nucleo ,un’idea di mondo diversa, un modo di riappropriarsi della vita ;questi invece lottano per essere normalizzati!?
Il capitalismo avanzato e intelligente ha recepito e stravolto le  istanze di liberazione , le ha fatte sue e vendute come mode e prodotti di consumo.Il movimento di liberazione delle donne che doveva abbattere il modello patriarcale è stato anestizzato e la fisicità è l’unico valore riconosciuto alle donne con gli orpelli della distribuzione commerciale allegati.Ci sono donne e uomini che vedono la legalizzazione della prostituzione
Come un elemento di modernizzazione.Alluncinante.
Tutti questi eventi come i gay pride sono sostenuti da tutte le sinistre a vario modo.
È il segno del degrado e della perdita di principi .
Si è passati dalla promozione dei diritti collettivi esclusivamente a quelli della sfera individuale.
Erano temi cari ai radicali e liberali,ora sono acquisiti da tutti,anzi per fare di più si esasperano all’infinito.
Non datemi del bigotto,non è la prima volta che mi capita, sono autenticamente comunista.L’idea di liberazione dell’uomo e della donna dalle forme di schiavitù è la leva principale per uscire dalla preistoria ,mi sembra invece che quest’ultima piaccia al genere umano , come un bambino che non vuole diventare adulto.
Scusate il disturbo.
Angelo Ferrarello
image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 20 giugno 2017. Filed under Lettere Al Direttore,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *