Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Pranzi e cene a domicilio: a Varese sbarca Food Racers

VARESE, 20 giugno 2017-Ordinare direttamente a casa o in ufficio i piatti dei propri ristoranti preferiti: a Varese si può. Grazie a Foodracers, una piattaforma online che permette agli utenti di scegliere tra tanti menù diversi e farsi recapitare i piatti a pranzo e cena. A effettuare le consegne sarà una squadra di “racers” selezionati, persone che mettono a disposizione il loro tempo libero, senza vincoli di orari, per il “food delivery” nella logica della sharing economy. Sono già 15 i primi ristoranti di Varese dai quali, a partire da domani, mercoledì 21 giugno, si potrà ordinare tramite l’app scaricabile su smartphone o tablet e il sito web www.foodracers.com. E una quindicina sono i racers pronti a consegnare.

Nelle grandi metropoli, i servizi di “delivery on demand”, di consegna a domicilio, sono sempre più diffusi. Foodracers, una startup innovativa, 100% italiana che ha lanciato il sito e la app a gennaio 2016 e vanta già oltre 60.000 ordini consegnati in 21 città, ha scelto di portare il servizio in tutti i capoluoghi di provincia italiani, spesso trascurati, diventando così un punto di riferimento a livello territoriale, lanciando la sfida ai colossi multinazionali.

Da domani quindi, i cittadini di Varese potranno ordinare direttamente a casa o in ufficio, scegliendo tra i menù dei locali che hanno già aderito a Foodracers. Dalla pizza agli hamburger, dal sushi alla polenta, dall’indiano al bio al cinese, è ampia la varietà tra cui scegliere.

Ecco l’elenco dei primi 15 locali convenzionati ai quali se ne aggiungeranno altri nei prossimi giorni: Bottega Tredici8 (pizza e carne), Crea & Gusta (panini special), Hambù (hamburger gourmet), Hamburgeria italiana (hamburger e panini), Ichiban (Fusion giapponese/sushi), Il Pajolo (polentoteca DOC), King Indian (indiano), La Piada di Strona (piadineria), Mammalena (piadina e pasta), My Chicken Point (panini, kebab e fritti), Nove Nove (cinese), Nutrymento (cucina bio), Pizza Leggera (pizza), Pizze & Delizie (panzerotti), Ran (giapponese).

Il funzionamento del servizio è semplice: una volta selezionata la zona di consegna sul sito foodracers.com o dall’App, si può scegliere dal menu online dei ristoranti serviti nei dintorni ed effettuare l’ordine, tramite smartphone, tablet o pc, che viene notificato istantaneamente ai Racers in quel momento disponibili. Il cliente ha poi la possibilità di lasciare un feedback sul servizio ricevuto garantendo un elevato standard delle prestazioni e responsabilizzando i Racers che ricevono un rating in base al quale verranno scelti per effettuare le consegne.

Il rapporto di convenzione in esclusiva instaurato coi ristoratori rappresenta senz’altro un punto di forza di Foodracers rispetto ai competitor che permette di non aumentare i prezzi al cliente, salvo un piccolo contributo di consegna che verrà trattenuto dal Racer.

Il servizio consente di pagare anche tramite carta di credito e, per l’utenza più anziana, sarà possibile telefonare direttamente al ristorante che chiamerà da solo i racers.
La scelta di premiare le città italiane, anche quelle minori, sta dando risultati positivi, tanto è vero che grandi catene come Roadhouse Grill, Old Wild West o Grom hanno già stretto con Foodracers rapporti di collaborazione a livello nazionale

Le città su cui è già attivo Foodracers sono: Bologna, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Ferrara, Jesolo, Mestre, Padova, Parma, Pavia, Piacenza, Pordenone, Ravenna, Reggio Emilia, San Donà di Piave, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Vicenza. E, da oggi, Varese.

 ALCUNI NUMERI

Da gennaio 2016 a oggi Foodracers vanta oltre 60.000 ordini consegnati / 190 racers attivi e 450 in attesa di iniziare / 500 ristoratori affiliati e altre 200 richieste al vaglio.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 20 giugno 2017. Filed under Economia,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *