Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Mostra fotografica dedicata al Campo dei Fiori “sotterraneo” alla Badia di San Gemolo

VALGANNA, 21 giugno 2017-Domenica 25 giugno, dopo il concerto “L’orecchio di Orfeo”, verrà inaugurata la mostra in caverna di fotografia e video con tema “L’universo sotterraneo del Monte Campo dei Fiori”, curata dal Gruppo Speleologico del CAI Varese, dal Parco Campo dei Fiori e dall’Associazione Amici della Badia di San Gemolo in Valganna in seno alla Stagione Culturale 2017.

L’allestimento avrà come splendida cornice la Badia di Ganna e presenterà immagini degli aspetti più preziosi e particolari delle grotte e del sottosuolo del massiccio del Campo dei Fiori: gallerie, pozzi, concrezioni, fossili, acque sotterranee, invertebrati, pipistrelli e… speleologi. Si tratta di fotografie raccolte nell’ambito delle esplorazioni effettuate negli ultimi 40 anni, dalla Grotta Marelli, dietro al Grande Hotel del Campo dei Fiori, fino alle recenti scoperte nella Grotta dei Mattarelli.

L’inaugurazione avrà luogo alle ore 18.15 nell’ambito della rassegna “Musica,parole e suggestioni visive” dopo il concerto previsto per le ore 16.30 “L’orecchio di Orfeo”, con musiche di Chopin, Szeligowsky, Kisielewski e Szymanowski interpretate da Teresa Kaban al pianoforte e Henryk Blazej al flauto. Seguirà una breve conferenza “Il Parco sotterraneo del Campo dei Fiori: un’esperienza in “luce”, tenuta dal Presidente del Parco Giuseppe Barra e dal geologo Alessandro Uggeri, con la presentazione del Presidente del CAI Varese Pietro Macchi.

La mostra, ad ingresso gratuito, rimarrà aperta dal 25 giugno al 3 settembre nelle giornate di domenica, dalle ore 15 alle ore 18, grazie alla disponibilità delle GEV del Parco.

 

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 21 giugno 2017. Filed under PROVINCIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *