Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Agguato mafioso in Puglia. Antoci (pd): “Bene Minniti. massima attenzione su agromafie”

ROMA, 11 agosto 2017-“I morti degli ultimi giorni sul Gargano non fanno altro che mettere in risalto un dato che ci consegna una situazione ormai chiara: la mafia pugliese è viva e vegeta e continua, come ha fatto in questi ultimi mesi, a mietere vittime e a seminare sgomento e terrore. Anche le parole del Procuratore Roberti, nonché il rapporto della stessa DNA presentato il 22 giugno, ci spingono ad accendere in maniera forte i riflettori su alcuni fenomeni territoriali che non possono più essere liquidati come mafie minori”, così Giuseppe Antoci responsabile Legalità del Partito Democratico dopo i fatti di cronaca recente avvenuti in Puglia ”

Oggi le mafie si sono modificate e bisogna essere capaci di adeguarne anche l’azione di contrasto, attivando una forte opera di prevenzione attraverso una decisa e concreta idea di Antimafia Sociale in grado di rendere partecipi gli operatori sociali e gli stessi cittadini, avvicinando, nel contempo, le migliori energie della società civile impegnate in tale direzione. L’intervento del Ministro Minniti è un chiaro segnale di uno Stato che reagisce immediatamente e che non fa sconti a nessuno.

Appare chiaro però che anche il fenomeno delle agromafie è diventato, soprattutto negli ultimi anni, un tema complicato, al quale dedicare la massima attenzione e una forte risposta sia in termini di prevenzione che di repressione. Il buon lavoro, già portato avanti attraverso la legislazione antimafia ed in corso di approvazione in Parlamento, potrà aiutare ancora di più le forze dell’ordine e la magistratura a combattere le mafie e soprattutto a vincerle”, conclude Antoci.

 

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 11 agosto 2017. Filed under Cronaca,POLITICA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *