Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Serate musicali al Poldi Pezzoli

MILANO, 22 giugno 2017- Tre pomeriggi di musica, in collaborazione con Serate Musicali, aspettano tutti i visitatori della casa museo di via Manzoni.

Il primo appuntamento è domenica 25 giugno, a partire dalle ore 16.00, con Triottico –  Federico Calcagno, clarinetto, Davide Sartori, chitarra e Victoria Kirilova, contrabbasso.

Nato all’interno delle classi di jazz del Conservatorio di Musica G. Verdi di Milano, il trio prende vita nel 2014 esibendosi fino ad oggi all’interno dell’ampia scena jazzistica milanese. Il progetto nasce dall’idea di mettere in gioco gli impasti timbrici dei tre strumenti, in un contesto pienamente cameristico. I suoni interagiscono tra loro; si sommano, si scontrano, e si incontrano nelle armonie di un repertorio del tutto originale, che rende omaggio alla tradizione degli standard. L’assenza della batteria sottolinea la particolarità del sound, celebrando il mondo sonoro del trio del clarinettista Jimmy Giuffre; le composizioni originali scritte dai tre musicisti formano un repertorio che trae spunto dallo spirito di grandi personalità della storia del jazz tra cui Wayne Shorter, Charles Mingus, Eric Dolphy e Lennie Tristano.

Programma:

Treacherous Blues (F. Calcagno)

Shevitza (V. Kirilova)

I Should Scare (D. Sartori)

Respiri (F. Calcagno)

From Mingus to Mingus (F. Calcagno)

Love Waltz (F. Calcagno)

The Clymbo (D. Sartori)

Palo Alto (L. Konitz)

Stand (S. Cerri)

Prossimi appuntamenti:

Domenica 9 luglio, ore 16.00

Marco Panzarino, chitarra

 Domenica 23 luglio, ore 16.00

Salvatore Castellano, sassofono

L’accesso all’iniziativa è compreso nel prezzo del biglietto (intero 10 € – Ridotto: 7€).

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 22 giugno 2017. Filed under Musica. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *