Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Carcere di Busto Arsizio: Tosi e Partito Radicale fanno firmare i detenuti Proposta di legge per separare le carriere dei magistrati

BUSTO ARSIZIO, 6 agosto 2017– Domani alle 14.30 Gianni Rubagotti, iscritto al Partito Radicale e Matteo Tosi, consigliere della Lista Civica Busto Grande e Garante dei diritti dei detenuti, che autenticherà le firme, entreranno nel carcere di Busto Arsizio per permettere ai detenuti di sottoscrivere la proposta di legge costituzionale che porti alla separazione delle carriere dei magistrati.

La proposta di legge è promossa dall’Unione delle Camere Penali italiane e ha raggiunto il numero di firme necessarie in poco più di 2 mesi di raccolta e nonostante la disattenzione di molti media. www.separazionedellecarriere.it

Gianni Rubagotti del Partito Radicale ha dichiarato: “Ringrazio Tosi, per il suo doppio impegno di Garante dei Detenuti e perché consente ai detenuti di esercitare un loro diritto previsto dalla Costituzione ma che senza il suo intervento sarebbe stato negato. Spero che questo sia l’inizio di una collaborazione con lui e con quella che Pannella avrebbe chiamato la “Comunità Penitenziaria” del carcere di Busto Arsizio”

L’Associazione per l’Iniziativa Radicale ‘Myriam Cazzavillan’ è una associazione radicale nata il 3 ottobre 2015 a Milano. E’ transpartitica e transterritoriale e promuove le battaglie dei soggetti radicali a Milano e in altri territori dove ha o trova militanti. Organizza serate culturali con sede fisica e in streaming (in collaborazione con LiberiTV) per permette a chiunque sia collegato a internet di fruirne e intervenire.

web: iniziativaradicale.wordpress.com

Twitter: @AirCazzavillan

Facebook: Associazione per l’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan”

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 6 agosto 2017. Filed under POLITICA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *