Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Bortoluzzi e mobilità urbana: “Ora Varese pensi seriamente ad auto elettriche e mobility manager”

Arturo Bortoluzzi

VARESE, 8 settembre 2017-Egregio Direttore,

il 7 settembre c’è stata una relazione al Rotary Club Varese dedicata alle auto elettriche. Si è parlato della capacità, ormai propria di quasi tutte le case produttrici di automobili, di realizzare mezzi di trasporto con batterie in grado di farli circolare per oltre 800 km. Batterie ricaricabili in tempi sempre più contenuti. Preoccupazioni sono state espresse sull’attuale non prontezza a livello scientifico di tecniche capaci di poter smaltire le batterie, una volta terminato il proprio ciclo vitale. Non possiamo, però, non tener conto che questo (l’elettrico), è un modo di movimentare le persone e le cose assolutamente fondamentale perché si possa arrivare ad uno sviluppo sostenibile della nostra vita nelle città. Dobbiamo, insomma, avere piena fiducia che il progresso scientifico riuscirà a promuovere un elettrico pulito.

Per questo è fondamentale che il Comune di Varese si dimostri tanto lungimirante da dotare fin da subito i parcheggi, che verranno individuati nell’attuale piano sosta, con colonnine per la ricarica delle automobili elettriche.

Ciò detto, vogliamo far notare come noi da novembre dell’anno scorso si attenda una risposta alle nostre osservazioni sul piano riguardo la sosta a Varese riguardo, al quale ci siamo detti concordi .

Rifornimento auto elettriche, un futuro sempre più vicino

Come già abbiamo detto in pubblico (nel corso della riunione a Palazzo Estense (per la presentazione del Piano parcheggi), che abbiamo apprezzato anche se troppo isolata e organizzata male, non è, secondo noi, possibile affrontare in maniera esaustiva la questione della sosta, a prescindere dal controllo della mobilità. Preliminarmente pensiamo che si debba affrontare l’argomento nella sua completezza:

– le automobili sono causa certa di malattie anche gravi e vanno il più possibile contenute;

– lo spirito della mobilità di cui al vigente PGT (che è quello volto solo a velocizzare il traffico autoveicolare e non a ordinarlo e a contenerlo) deve essere adeguato;

– è necessario un approccio coordinato e responsabile al problema, il che comporta che il Comune si doti  (come previsto dal Decreto Ronchi) di un mobility manager o, comunque, di una specifica professionalità dedicata, sia per gli aspetti locali che per un territorio più vasto.

Affrontare la mobilità con lo spirito che abbiamo intravisto sui quotidiani locali (ponendo una serie di parcheggi esterni collegati al centro con una navetta), è certamente afflato che condividiamo da sempre. Dobbiamo però guardare e valutare con cautela l’esperienza degli ultimi anni: la soluzione suddetta attivata soprattutto in periodo natalizio, senza adeguate cure specifiche (nel luogo di partenza e in quello di arrivo), ha dato risultati sostanzialmente deludenti, tanto da non giustificare le spese sostenute dall’ente pubblico.

Senza,  quindi, una adeguata gestione manageriale che in una visione generale  del problema, non si può secondo noi, pervenire a conseguire da parte del Comune di Varese  un risultato apprezzabile. Provvedimenti specifici (come il piano della sosta) possono essere attuati soltanto in un programma complessivo – soprattutto in una città come Varese che ha un numero sopra eccessivo di auto immatricolate –  volto alla riduzione delle stesse. Il Comune occorre promuova per esempio l’auto collettiva. Come anche abbiamo detto nel corso della riunione in Comune, in questo quadro si può collocare anche il nostro suggerimento al Sindaco di Varese di costituire da parte del Comune un sistema di Car sharing pubblico anche con auto elettriche, avente come ente di gestione la AVT.

Occorre attuare a Varese il Decreto Ronchi, nominando il mobility manager comunale e facendo una pluralità di piani spostamento casa lavoro, così da cercare di abituare, col tempo, i cittadini ad una utilizzazione per lo più collettiva del mezzo privato. Questo deve essere impiegato solo quando sia necessario. L’azienda privata, nei termini specificati nella vigente normativa, deve avere un proprio mobility manager e ci deve essere poi il mobility manager di area con il compito di coordinare tutti i mobility manager degli enti pubblici come degli enti privati.

Bisogna avere, insomma, la forza e la capacità di attivare questo sistema in cui deve credere in primo luogo il Comune di Varese. Questi, impiegando risorse, ha proprio invitato altre istituzioni pubbliche e private per più giorni a Ville Ponti di Varese perché fosse garantito a tutti conoscere la materia grazie anche ai tecnici di Euromobility. Non si perda del tempo ora. La istruzione è già stata fatta. Ci sono già funzionari e addetti con in mano un attestato dei corsi cui hanno partecipato.

Il presidente Italia Nostra

Arturo Bortoluzzi

 

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 8 Settembre 2017. Filed under Sociale,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.