Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Peacedrums, da Lampedusa concertone per la pace con 100 artisti

VARESE, 12 settembre 2017- Roy Paci, Modena City Ramblers, Africa Unite, Eugenio Finardi, Lo Stato Sociale, sono solo alcuni degli artisti che hanno deciso di aderire e sostenere l’iniziativa di PeaceDrums insieme a Zibba, Francesco Taskayali, Punkreas, Raphael, Lele Sacchi, Tony Esposito, Pollio, Paolo Marzocchi, Enrico Intra, Alessandro Haber, Joxemi (Ska-p, Llendakaris Muertos) e Statuto, mentre dall’estero ci saranno Chekib Ainar, Emmanuel Chrysis, Sylvia Ponchai, Jimphabul, Julien Saïman, Walid Bub, Dit Bohème, Nadjib Sellal, Qalid Kadi.

Insieme all’Italia sono altri i 13 paesi uniti in questo grande progetto: Palestina, Siria, Egitto, Grecia, Francia, Spagna, Portogallo, Tunisia, Emirati Arabi, Algeria e Kenya, Slovenia, con la prestigiosa partnership USA di  Playing For Change .


Con il patrocinio di Unesco, Senato della Repubblica, Emergency, Oxfam, Arci, Legambiente, Amref, Comune di Lampedusa e Linosa, Comune di Milano, Sos Méditerranée e altre associazioni.

L’evento sarà trasmesso in diretta da Radio Popolare.

Hanno aderito:


Amani, Amicizia Sardegna-Palestina, Area Marina protetta Isole Egadi, Cittadinanza Attiva,  Comune Comune di Isola delle Femmine, Comune di Messina, Comune di Pantelleria, Comune di SanSperate, Conservatorio di Palermo, Giardini in transito, Slow Food Sicilia, Isole Slow, La Bottega delle Percussioni, Libera Fest, Mare Culturale Urbano, Giardini in transito  Mare Vivo, Orchestra dei Popoli, Ortygia Business School, Sonos Giardino Megalatico, Sound 36 ed molte altre associazioni da tutto il mondo.

Organizzato da: Comart, Emma for Peace, Festival delle Generazioni.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 12 settembre 2017. Filed under Sociale,Spettacoli&Cultura,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *