Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Trasporto dializzati: incontro in Regione con rappresentanti Aned

MILANO, 13 settembre 2017 –  La Commissione Sanità, presieduta da Fabio Rolfi (Lega Nord), si è confrontata oggi con i rappresentanti della sezione regionale di Aned, Associazione nazionale emodializzati.

Tema dell’incontro una sorta di decalogo che i rappresentanti dei cittadini sottoposti a dialisi o trapiantati vorrebbero venisse adottato a livello nazionale per garantire uno standard nel trasporto dei malati.

Siamo fermamente intenzionati ad approfondire le istanze esposte in Commissione e che interessano migliaia di cittadini lombardi – spiega il presidente Rolfi – A breve ci confronteremo anche con Areu e Dg Welfare. Il nostro obiettivo è garantire dignità ai cittadini dializzati e un servizio di trasporto di qualità, con mezzi e personale adeguatiPer queste ragioni la nostra commissione intende continuare a mantenere alta l’attenzione sul tema raccogliendo le segnalazione di disservizi del territorio”.

In Lombardia i cittadini dializzati sono circa 7500, 3000 quelli che sono stati sottoposti a trapianto di rene. La spesa sostenuta dal Servizio sanitario regionale per un paziente in dialisi, senza considerare ricoveri, complicanze e farmaci, si aggira intorno ai 30.000-35.000 euro all’anno per paziente.

Le linee guida riguardano la presa in carico, il rapporto convenzionale con le Aziende sanitarie, le certificazioni dei medici nefrologi, l’utilizzo dei mezzi di trasporto e i criteri per la guida, i rimborsi per i pazienti autonomi, i monitoraggi sul personale preposto, la pubblicazione di un rapporto annuale a livello regionale, le verifiche da parte delle Regioni sull’adeguatezza e l’andamento dei servizi.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 13 settembre 2017. Filed under MILANO,Sanità. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *