Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Con il libro “Musical 80” Nicola Gervasini ricorda l’importanza di quel decennio in chiave noir

VARESE, 12 ottobre 2017- di GIANNI BERALDO

Nicola Gervasini durante la presentazione

Interessante ma soprattutto intrigante la trama del nuovo libro del giornalista e scrittore Nicola Gervasini.

Un libro che l’autore definisce del genere noir, nonostante il titolo possa ingannare per richiami musicali. Che in effetti in “Musical 80” (Edizioni WLM) ve ne sono partendo dalla bella copertina <<Per rappresentarla ho scelto album personali con i quali ho condiviso gran parte degli anni Ottanta, decennio in cui tutto poteva accadere anche musicalmente. In realtà la storia tratta anche di musica ma non è il focus centrale seppur importante>>, sottolinea l’autore durante la presentazione del libro svoltasi questa sera alla biblioteca civica di Varese, con il giornalista Francesco Brezzi  a porre domande.

Una storia ambientata appunto negli anni Ottanta con protagonista il commissario Paolo Manfredi trasferitosi  a Urbino, apparentemente tranquilla città di provincia. Poi  tutto si complica con la morte di Zara Whites, pseudonimo di un’attrice che ha visto sfumare ogni possibilità di successo nel grande schermo per approdare in una piccola compagnia teatrale con la quale si approntava a debuttare nello spettacolo “Musical 80”.

Da qui una serie di intrecci-utilizzando in molti casi dialoghi molto divertenti e sarcastici tra i vari protagonisti della vicenda- che partono da Urbino  per arrivare ai salotti politici di Roma.

Un noir ben fatto, dove la sciatteria del commissario contrasta invece con la bravura e meticolosità nelle indagini del suo assistente che di fatto gli risolverà il caso.

Un bel libro (ricordiamo che Gervasini è autore pure di “Rolling Vietnam, radiografia di una guerra”, dove musica e aspetti sociali assumono connotati importanti) che si lascia leggere con leggerezza e con quella giusta ironia che in qualche caso riesce pure a fare riflettere su quegli anni erroneamente definiti come svuotati culturalmente, oppure il decennio della “musica di plastica” per via dell’uso massiccio importante di elettronica e campionatori.

Brezzi con l’autore

In realtà quel decennio ha prodotto tantissimo cose buone in ogni ambito, musica compresa e questo libro in parte lo ricorda.

<<avendoli vissuti pur marginalmente considerando la mia età ( Gervasini è del 1972, ndr) considero quegli anni come un periodo molto vicino al mio modo di essere e nel libro in effetti vi sono pure degli spunti autobiografici. Insomma, la considero una storia magari lontana a livello temporale ma ugualmente presente>>.

Prossima presentazione in provincia di Varese è prevista sabato 21 ottobre a Porto Ceresio per la rassegna “Ottobre in Giallo” (ore 17, sala mostre in Piazza Luraschi).

direttore@varese7press.it

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 12 ottobre 2017. Filed under Spettacoli&Cultura,Varese,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *