Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Intitolato a Fabrizio De Andrè il futuro parco pubblico di Cardano al Campo

CARDANO AL CAMPO, 13 novembre 2017-Dopo il questionario lasciato alle famiglie, è il momento della serata pubblica dedicata al futuro parco Fabrizio De Andrè. L’area verde sorgerà sull’area comunale di via Montecchio e il progetto, che verrà realizzato nel 2018, sarà pensato dall’amministrazione insieme ai cittadini.
“In estate – ricorda il vicesindaco e assessore alla Partecipazione Vincenzo Proto – abbiamo coinvolto oltre 450 famiglie cardanesi chiedendo opinioni e idee per l’area. Ora è arrivato il momento di confrontarci su queste proposte e discuterne faccia a faccia”.
L’appuntamento è per mercoledì 15 novembre alle ore 21 nella sala Ipazia della Casa Paolo VI in Piazza Mazzini. In quell’occasione l’amministrazione presenterà un primo studio del progetto nato a partire dalla proposte contenute nei questionari.
“Chi non ha avuto modo di esprimere i propri desideri nella fase estiva – commenta Proto -, è invitato a cogliere questa occasione per proporre idee e soluzioni. Solo la partecipazione attiva ci aiuterà a realizzare un’opera che corrisponda davvero alle esigenze del quartiere”.
Con questa iniziativa, l’assessorato alla partecipazione di Cardano ha iniziato un nuovo percorso di coinvolgimento della cittadinanza. “La partecipazione non è una novità per la nostra comunità – conclude Proto -. Negli anni scorsi Cardano era stato il primo Comune della provincia a coinvolgere i cittadini nel bilancio partecipativo. Poi ci sono stati i progetti “Il sindaco a casa tua” e “Cardano condivisa”. Ora con i cittadini ci cimentiamo in questo nuovo percorso per costruire insieme la città del futuro”.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 13 novembre 2017. Filed under PROVINCIA,Spettacoli&Cultura,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *