Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Identità Digitale (Spid): il record nazionale d’iscritti passa per Paullo

Le iscrizioni Spid

PAULLO (MI), 3 dicembre 2017 – La corsa per la digitalizzazione passa da Paullo. Nell’ambito delle finalità del progetto Smart Land, che riapplica i principi della Smart City al contesto dell’area omogenea Sud Est Milano di Città Metropolitana, l’amministrazione comunale, in collaborazione con InfoCert, ha presentato le nuove progettualità per il 2018.
L’obiettivo del Governo, dichiarato dal commissario straordinario per l’Italia Digitale Diego Piacentini è quello di avere l’80 percento dei cittadini con Spid (Identità Digitale per utilizzare i servizi della PA e del settore privato) in 5 anni. Paullo ha deciso di raccogliere questa sfida: far diventare la città tra i primi centri urbani con la più alta percentuale di iscritti a Spid e creare un modello a livello nazionale.

De Lazzari, Lorenzin, Consolati e Guida

Per riuscire in quella che è a tutti gli effetti la prima esperienza di questo tipo intrapresa da una municipalità, è stata stretta una partnership con InfoCert, società leader impegnata nello sviluppo digitale del Paese, che si è resa subito disponibile per affrontare il percorso verso la diffusione di Spid.
L’annuncio è stato divulgato nella conferenza stampa di oggi, presso la sala consiliare e delle conferenze di Paullo, dal sindaco Federico Lorenzini, Massimiliano Consolati (consigliere comunale all’innovazione), Gabriele Guida (Digital Champion per la Città di Paullo), Michele De Lazzari (Head of Digital Identity in InfoCert).
A margine, sono cominciate le prime registrazioni della popolazione e dei componenti del consiglio comunale a Spid, grazie agli incaricati al riconoscimento messi a disposizione da InfoCert.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 3 dicembre 2017. Filed under MILANO,Sociale,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *