Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il panettone artigianale delle Fattorie Fiandino presente alla kermesse varesina

VARESE, 6 dicembre 2017-Il Natale alle Fattorie Fiandino in Piemonte vuol dire credere nella tradizione dei migliori prodotti delle festività. Come il panettone, re delle feste e della manifestazione Signor Panettone – a Varese il 9 e il 10 dicembre – dedicata all’esposizione e degustazione dei migliori prodotti artigianali della provincia. Le Fattorie supportano la kermesse dedicata al grande lievitato con il loro Burro 1889, utilizzato da alcuni Maestri pasticceri presenti nelle due date.

Come Mariano Massara (Pasticceria Sara e Mariano, Morazzone VA), Luca Riganti (Pasticceria Dolcearte, Mornago VA) e Mario Bacilieri (Pasticceria Bacilieri, Marchirolo VA) che ci spiega perché utilizza il Burro 1889 Fattorie Fiandino e come ne guadagna il suo panettone:

“Da quando uso il Burro 1889 Fiandino il mio panettone ha acquistato in morbidezza, fragranza e profumo. Molte persone quando faccio le degustazioni si sorprendono di questo aroma così penetrante, tanto da chiedermi di cosa si tratti. Io non utilizzo nient’altro che canditi freschi, bacche di vaniglia e Burro 1889 Fiandino. La sfoglia è molto aromatica e soffice, il gusto che ne emerge è di panna e non riesco più ad utilizzare altri prodotti! Non ci sono sentori strani di formaggio che si trovano solitamente nei classici burri italiani da affioramento: ne ho provati molti ma ora come ora con Fiandino ho trovato la ricetta perfetta. Io lo considero come una crema da spalmare infatti non nego che ne mangio in quantità. Il lavoro che fa Fiandino con questo prodotto è inimitabile e tutta la pasticceria italiana ne esce assolutamente rafforzata.”

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 6 dicembre 2017. Filed under Economia,Tempo Libero. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *