Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Dario Violi candidato di M5S oggi a Varese: “Staremo sempre dalla parte dei cittadini lontano dai luoghi di potere”

VARESE, 11 gennaio 2018- di GIANNI BERALDO

Dario Violi nella sede Canottieri Varese

Una leggera nebbiolina- tipica in questa stagione- con richiami a qualche eco di letteratura noir con la bruna dei laghi lombardi come ambientazione, ha accolto questa mattina Dario Violi, consigliere regionale uscente e candidato alla presidenza della Regione Lombardia per Movimento 5 Stelle, ospite della Canottieri Varese alla Schiranna di Varese.

Violi è stato scelto candidato dopo avere ottenuto 793 voti nelle “Regionarie” svoltesi lo scorso 25 novembre tramite la piattaforma “Rosseau”. Senza perdere tempo dopo qualche giorno Violi ha iniziato la campagna elettorale con un programma maturato anche grazie e soprattutto alla sua recente esperienza come Consigliere regionale. Campagna elettorale ora decollata definitivamente con avversari che le cui candidature si sono palesate ufficialmente come quella di Giorgio Gori che corre per il centrosinistra e la recentissima  investitura di Attilio Fontana che rappresenterà il centrodestra dopo il noto forfait del presidente uscente Roberto Maroni.

Come prima tappa di questo mini tour provinciale Violi (accompagnato dalla consigliera regionale Paola Macchi, dall’ex parlamentare Cosimo Petraroli e da una decina di candidati di lista a livello territoriale) ha voluto focalizzare l’attenzione su di una realtà sportiva importante come il canottaggio, incontrando alcuni dirigenti ed ex atleti di fama internazionale come il varesino Pierpaolo Frattini direttamente nella sede della Canottieri Varese facendosi raccontare sia le difficoltà nel gestire una struttura come quella della storica Canottieri, sia gli importanti successi sportivi che da qui sono maturati facendo proseliti in tutto il mondo.

Dario Violi con un gruppo di candidati varesini in lista alle Regionali

Attento a ogni particolare evidenziato dai rappresentanti della società sportiva varesina, Violi  ha raccolto pure alcune istanze considerando che alcune realtà sportive cosidette minori ma con un numero di praticanti notevole andrebbero aiutate maggiormente aldilà del mero evento sportivo internazionale.

Il candidato pentastellato  si è poi soffermato su criticità a carattere ambientale come la precaria salute del Lago di Varese << I problemi ambientali da sempre sono stati i cardini della politica di M5S e la salute dei laghi lombardi rientra tra le nostre priorità>>, dice Violi che oggi proseguirà il tour visitando un’altra blasonata società sportiva di canottaggio qual’è la Canottieri Gavirate dove oltre che di ambiente e sport,  incontrerà dei dipendenti ospedalieri sentendo direttamente da loro quali siano i problemi immediati da affrontare in ambito sanitario provinciale.  A conclusione del tour tempo pure per vedere la dinamicità produttiva di taglio ambientale, con visita a un’azienda di Tradate famosa per costruire case ecologiche.

Il primo step alla Canottieri Varese ovviamente è stata occasione propizia per sentirlo su temi da campagna elettorale e sulla diretta concorrenza << Al posto di Maroni ora è subentrato Fontana come candidato per il centrodestra ma in realtà portano avanti due modelli speculari di proposte, soprattutto quella a carattere sanitario ossia la principale voce di Bilancio della Regione>>.

Sanità lombarda che Maroni però ha sempre evidenziato come modello di riferimento a livello nazionale <<la realtà è un’altra. E’ quella di grandi infrastrutture vuote edificate con soldi pubblici: tutto a vantaggio della ospedalizzazione privata con tutti i vantaggi politici che ne derivano>>.

Violi che snocciola velocemente i punti principali del programma di M5S  regionale <<insomma noi proponiamo una Sanità che torni a essere al servizio dei cittadini, un trasporto pubblico che deve essere la vera alternativa al trasporto su gomma con le persone che non devono incolonnare in autostrada per raggiungere il capoluogo ma devono avere la possibilità di utilizzare treni dignitosi e non carri bestiame magari con doppie linee dove servono, soprattutto da e verso Milano>>

Dario Violi con Paola Macchi

Il candidato bergamasco non si nasconde certamente quando gli si chiede lumi sulle critiche che ogni tanto muovono vero alcuni amministratori locali di M5S che non sarebbero in grado di gestire la cosa pubblica << in tal senso mi sento di dire che i nostri amministratori, pur affrontando diverse difficoltà, hanno risolto problematiche non indifferenti. I “campioni” che dicono di saper governare sarebbero quelli che hanno speso più di 500 milioni per lasciare incompleta la Pedemontana, quelli che hanno costruito strade e autostrade vuote con centinaia di migliaia di euro dei cittadini lombardi, oltre a lasciare i treni vecchi di trentanni senza cambiare la line a rotabile. O ancora quelli che stanno regalando la Sanità e i pazienti cronici alla sanità privata e a chi fa business sulle persone. Se oggi abbiamo la peggior qualità dell’aria che ha creato gravi patologie nei confronti dei cittadini questo non è certamente colpa di M5S. Tutto questo è inaccettabile, noi sappiamo dove intervenire una volta eletti e lo faremo certamente>>.

Infine chiediamo come sia stata la sua esperienza come  Consigliere regionale (le ultime due sedute di questa legislatura saranno quelle di martedì 16 e mercoledì 17 gennaio) <<Una bella e positiva esperienza con la quale ho capito ancora di più come funzionano i meccanismi politici riflessi poi in ambito regionale, meccanismi che noi abbiamo contrastato spesso proponendo proposte concrete per rendere migliore la vita dei cittadini senza speculare a livello politico. Come immaginavo poi è emerso che i vari rappresentanti politici i quali, ricordo, sono espressione dei singoli territori, non abbiano quasi mai lavorato per risolvere problemi locali. Se non quelli più eclatanti con i quali potevano avere anche un certo ritorno a livello d’immagine politica. Noi invece ci siamo occupati e ci occuperemo anche in futuro, di problemi e criticità che la gente esprime quotidianamente attraverso le diverse e molteplici sfaccettature a livello locale. Ogni città, ogni paese, ogni territorio della Lombardia ha delle sue specificità: ad esempio i problemi degli agricoltori bergamaschi non sono uguali a quelli del varesotto, così come a livello industriale o di aziende artigiane. Noi intercettiamo queste criticità attraverso le istanze dirette dei cittadini cercando di trovare soluzioni concrete  e non politiche>>

direttore@varese7press.it

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 11 gennaio 2018. Filed under Pallavolo,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *