Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Grande Festa al Del Ponte per ricordare l’apertura del Polo Materno Infantile

VARESE, 20 gennaio 2018- di GIANNI BERALDO

Emanuela Crivellaro durante la presentazione del video

Una bella festa quella organizzata questa mattina all’ingresso del Pronto Soccorso Pediatrico del nuovo Ospedale Del Ponte di Varese.

Incontro pubblico  fortemente voluto dalla Fondazione Il Ponte del Sorriso e dal Comitato per la Tutela del Bambino (oltre ovviamente alla fondamentale collaborazione dei vertici dell’Azienda Sanitaria Asst-Settelaghi della quale il Del Ponte fa parte) per sottolineare a meno di un anno dalla sua inaugurazione (lo scorso 8 maggio) il grande risultato ottenuto anche grazie all’opera quotidiana messa in atto dalle decine di volontari.

Un’opera importante questo Polo materno infantile con il reparto più imporante finalmente completato, ossia quello definito come  Michelangelo: nuovissima e all’avanguardia area pediatrica resa fattibile grazie al corposo  contributo economico della Regione, senza dimenticare i tanti soggetti privati protagonisti di molte donazioni. Proprio a loro tante camere di degenza e macchinari all’avanguardia sono divenute realtà. 

Pubblico e volontari: tutti per il Del Ponte

Questo importante traguardo, sia per l’ASST dei Sette Laghi, sia per la città e ben oltre, è stato raggiunto grazie ad un impegno finanziario imponente, pari a circa 40 milioni di euro. A questo sforzo economico importante sostenuto dallo Stato e da Regione Lombardia, bisogna aggiungere l’incremento dei costi di esercizio che l’attivazione del nuovo Ospedale comporta, con l’ampliamento della gamma di attività: un incremento pari a circa 16 milioni all’anno.

“Il nostro impegno non si esaurisce con le donazioni” ha dichiarato Emanuela Crivellaro mostrando le immagini delle attività ludiche ed educative “ma continua con la terapia del sorriso che ogni giorno somministriamo ai bambini. Perché c’è tanta magia nel sorriso di un bambino ammalato, una magia che non va persa”.
Per oltre due anni Isabella Nardelli e Rugile Norkute, talenti dell’Accademia di Brera, hanno lavorato per la fondazione Il Ponte del Sorriso, al progetto del percorso di accoglienza, realizzando un vero capolavoro artistico che rende unico l’Ospedale Del Ponte. Un ospedale che può contare su professionisti sanitari, molti dei quali erano presenti all’evento, preparati e competenti, ai quali la popolazione si affida, un ospedale, come ha ricordato il dr. Bravi “irrequieto, mai soddisfatto, sempre alla ricerca del meglio, sempre in tensione verso qualcosa di più”.

Una festa quella di oggi alla quale hanno partecipato i vertici dell’azienda ospedaliera (dal Direttore Generale Callisto Bravi-che ha regalato un bel bouquet alla Crivellaro- al direttore di Direzione Medica Andrea Larghi) ma soprattutto tanti genitori dei piccoli pazienti mischiati alla colore giallo predominante, quello delle casacche dei volontari oggi veri protagonisti.

Nessun politico presente, forse perchè impegnati in campagna elettorale e ora il Del Ponte non ha più appeal sul loro ipotetico elettorato.

Incontro durante il quale la presidente della fondazione Ponte del Sorriso, Emanuela Crivellaro, spiegava emozionata tramite un video proiettato su grande schermo televisivo,le varie fasi dei lavori che hanno portato al quasi completamento dell’opera. Poi il buffet e brindisi finali come si conviene a chi deve festeggiare un traguardo significativo degno di attenzione. E questo lo è sicuramente.

redazione@varese7press.it

 

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 20 gennaio 2018. Filed under Sanità,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.