Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Rugby, intervista al nazionale azzurro Maxime Mbandà dopo la partita con l’Inghilterra

ROMA, 5 febbraio 2018-Dopo Italia-Inghilterra le sensazioni del popolo ovale sono state abbastanza concordi nel valutare positivamente una Nazionale in crescita, nonostante il risultato sia stato severo. Non proprio di questo parere è stato Maxime Mbandà, Flanker della Nazionale Italiana che abbiamo sentito telefonicamente per avere una sua opinione sul match appena concluso e sul morale della squadra in vista della partita di sabato a Dublino.

RM: Ciao Maxime, abbiamo sentito Conor O’Shea subito dopo la partita, “orgoglioso e arrabbiato” per la prestazione contro l’Inghilterra. Tu che sensazioni hai avuto?

MM: Non è mai bello perdere, soprattutto quando si arriva alla partita carichi e con tanta voglia di vincere. Il Coach ci aveva chiesto una particolare attenzione a commettere meno falli possibili. Questo aspetto non è andato bene, abbiamo fatto troppi falli e questo non ci ha permesso di esprimere a pieno il nostro gioco.

RM: Abbiamo visto comunque una squadra concentrata per quasi tutta la partita, nonostante il micidiale 1-2 iniziale dell’Inghilterra

MM: Intanto quelle due mete non erano da prendere, e poi dobbiamo imparare ad essere più cinici, per esempio portando a casa punti tutte le volte che entriamo nei loro ventidue. Siamo riusciti comunque a fare due mete… e mezzo, e questa è un buon miglioramento dopo i test match.

RM: Sabato avrete un’altra partita molto difficile a Dublino.

MM: Nel 6 Nazioni non ci sono partite facili, la testa è già all’Irlanda, anche se arriveremo a Dublino mercoledì. Faremo del nostro meglio per cercare di vincere la partita.

RM: Ti abbiamo visto estrare con un caschetto nuovo, un caschetto da guerriero. Scaramanzia o solo un caso?

MM: Ma no, sono stato condizionato anche da altre persone, ho voluto provare, ma lo testerò meglio la prossima partita.

RM: Ti vedremo in campo dal primo minuto contro l’Irlanda?

MM: Non lo so, io sono a disposizione della squadra e del Coach e cerco sempre di dare il massimo in campo a prescindere da quando entro.

RM: Abbiamo visto che dopo la partita Sergio Parisse è andato in infermeria a farsi controllare il costato. Come sta?

MM: Mah, mi sembra bene, ma sarà lo staff medico a dare un responso definitivo.

www.rugbyljamagazine.com

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 5 febbraio 2018. Filed under Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.